T-red e doppia striscia, vittoria in appello per il Comune di Avezzano: automobilista condannato

T-red, automobilista condannato al pagamento del verbale, con decurtazione di 2 punti sulla patente, e delle spese processuali. Il Comune di Avezzano vince in appello

La prima causa in grado di appello sulla questione della immaginaria doppia striscia di arresto del T-Red si è conclusa oggi presso il Tribunale di Avezzano con una vittoria per il Comune di Avezzano.

Capovolta la sentenza del giudice di pace che in primo grado, accogliendo un ricorso contenente la presunta doppia striscia, aveva dato ragione a un conducente fotografato dal dispositivo, perché superava arbitrariamente il punto di arresto stabilito dal codice.

La nota della Polizia Locale di Avezzano. “Parliamo dell’unica linea bianca presente sulla strada, chiara e ben visibile tanto nelle foto quanto nel video a colori riprodotto dalle telecamere e ancor più nella realtà, per questo non ingannevole per alcuno, tanto meno per l’attento automobilista: come tra l’altro dimostrato anche dal consistente numero di persone che hanno saputo fermare la propria auto nel punto giusto senza incorre in alcun illecito (secondo le statistiche in possesso dell’ufficio, rispetto al totale dei veicoli transitati solo un uno per cento di questi ha commesso l’infrazione)”.

Talmente evidente le ragioni del Comune di Avezzano, che il Tribunale ha ritenuto di dover condannare l’automobilista, oltre al pagamento del verbale con relativa decurtazione dei due punti sulla patente, anche alle spese legali per il doppio grado di giudizio, il tutto per un ammontare complessivo di circa millecinquecento euro. “In pratica, una sanzione iniziale di appena quarantasei euro si è trasformata in una vera e propria batosta”.

“Dopo una serie di iniziali sconfitte in primo grado con motivazioni talvolta veramente inconsistenti, quella di oggi è già la seconda causa del T-Red vinta in appello dal Comune di Avezzano (la prima avente ad oggetto la cosiddetta “doppia striscia”), ottenuta grazie a un più approfondito e accurato accertamento dei fatti da parte della giustizia, questa volta togata, il cui irreprensibile impegno e rigore processuale sta pian piano portando in evidenza la correttezza degli accertamenti effettuati dalla polizia locale di Avezzano“.

L’attività di difesa in grado di appello delle ragioni del Comune di Avezzano “proseguirà quindi con il consueto senso di responsabilità – precisa la nota della Municipale – sia per soddisfare l’interesse pubblico generale, sia per assicurare la correttezza e l’imparzialità dell’azione amministrativa, sia anche perché risulta ormai evidente che le probabilità di vittoria sul punto sono elevate, con buona pace per coloro che a più riprese hanno tentato di rappresentare a tutti i costi una gestione rovinosa dei verbali emessi dalla polizia locale, per le infrazioni semaforiche”.

“Si conferma, infine, come fake-news la notizia fatta artatamente circolare nei giorni scorsi da qualche avvocato, in probabile conflitto di interessi e quasi certamente interessato a una vittoria “a tavolino” piuttosto che lealmente nelle aule di tribunale, secondo la quale il Comune di Avezzano avrebbe ritirato, o dovuto ritirare, tutti gli appelli in materia di T-Red intrapresi in costanza di gestione commissariale.
Ritirare un appello già pagato e presentato al giudice – con una buona argomentazione delle ragioni dell’ente per la cura dell’interesse pubblico – oltre che apparire come gesto irregolare costituirebbe anche un sicuro danno erariale“.