Cotugno cardioprotetto, nuovo defibrillatore in via Madonna di Pettino

Si sono concluse le 4 giornate informative sulla rianimazione cardio-polmonare e sull’uso del defibrillatore al Cotugno, organizzate dall'istituto e dall'associazione Azimut

Si sono concluse sabato 1 febbraio le quattro giornate informative teorico-pratiche sulla rianimazione cardio-polmonare e sull’uso del defibrillatore (BLS-D), organizzate dal Convitto Nazionale Domenico Cotugno e dall’Associazione Azimut per gli studenti dell’istituto.

Gli incontri, tenuti dai medici Marco Orsini e Carmine Maccarone, hanno coinvolto ben 11 classi: dopo aver assistito a lezioni frontali, gli alunni hanno avuto la possibilità di mettere in pratica le nozioni apprese attraverso l’uso di manichini e defibrillatori da esercitazione.

Per di più, nella giornata di sabato, è stata inaugurata una ulteriore postazione salvavita donata dai medici Dunia Benlloch e Marco Orsini nella sede di Via Madonna di Pettino.

“Siamo estremamente soddisfatti” – si legge in una nota dell’Associazione – “dell’esito dell’iniziativa. Ancora una volta il Convitto Nazionale Cotugno, punto di riferimento per la storia dell’Associazione Azimut, si è mostrato sensibile alle nostre proposte. Desideriamo ringraziare la Dirigente Scolastica Prof.ssa Serenella Ottaviano, nonché le coordinatrici dell’iniziativa Prof.sse Roberta Mastropietro e Grazia Di Lorito per averci ospitato ancora una volta ed aver supportato queste giornate. Il progetto L’Aquila Città Cardioprotetta sarebbe vano senza il supporto essenziale degli istituti scolastici che ci permettono di illustrare e spiegare l’importanza della campagna alle generazioni più giovani.”

Inoltre, grazie alla donazione di un ulteriore defibrillatore – conclude la nota – “abbiamo allargato la rete dei dispositivi salvavita installati in città mettendo a disposizione di tutta la comunità scolastica un necessario presidio di prevenzione e sicurezza.”