IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio, Pierluigi Biondi, Luigi D'Eramo

Insieme per L’Aquila senza assessori, rimpasto di Giunta indigesto

Nuova Giunta comunale, Insieme per L'Aquila diserta la presentazione. Mercoledì conferenza stampa di Roberto Junior Silveri. I possibili scenari.

Il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, ritira le dimissioni e chiude la crisi di Giunta. Ma forse non quella in Consiglio comunale. Insieme per L’Aquila si ritrova senza assessori, diserta la conferenza stampa del sindaco e ne annuncia un’altra.

Se con la conferenza stampa di oggi si può dire che si è chiusa la crisi del difficile rimpasto di Giunta, non si può dire altrettanto della crisi che attraversa le forze di maggioranza. Il gruppo di Giorgio De Matteis potrebbe essere soddisfatto della “testa” dell’assessore Alessandro Piccini, ma difficilmente il gruppo di Insieme per L’Aquila potrà ritenersi soddisfatto dall’esito del rimpasto. Tra conferme e nuove nomine, infatti, nessuno degli assessori della nuova Giunta fa diretto riferimento al gruppo che conta attualmente ben 5 rappresentanti in Consiglio. Non è escluso qualche riposizionamento, ma considerato che l’Udc, con un solo consigliere, sfoggia vicesindaco con deleghe importanti (anche il Bilancio, che Biondi lascerà per qualche tempo ancora a Raffaele Daniele), la conferenza stampa di domani di Roberto Junior Silveri si preannuncia piuttosto infuocata. «Ci può stare – ha dichiarato Biondi in conferenza stampa – che qualche forza politica non sia completamente soddisfatta, ma ci siamo detti da subito che gli assessori che hanno riferimenti di partito con l’ingresso in Giunta tolgono la casacca dei partiti di appartenenza e mettono quella dell’Aquila». Facile per la Lega (che ha due assessori più uno esterno “vicino”) e altri partiti, un po’ più difficile per Insieme per L’Aquila, che non è certo il primo “rospo” che ingoia nel nome della fiducia più o meno incondizionata al sindaco Biondi.

Insieme per L’Aquila e Biondi, i precedenti.

Il gruppo di Insieme per L’Aquila, “capitanato” da Roberto Junior Silveri si è sostanzialmente formato dall’implosione di Forza Italia, dopo il defenestramento dell’assessore Annalisa Di Stefano. La maggioranza dei consiglieri di Forza Italia, pur di non seguire il partito, che con il commissario Antonio Martino aveva stigmatizzato fortemente la decisione del sindaco, aveva formato gruppo distinto. Insomma, è stata bruciata la rappresentanza di FI in Consiglio, pur di appoggiare il primo cittadino. Lo stesso sindaco aveva poi ritirato le deleghe anche a Sabrina Di Cosimo: in questo caso giusto un’alzata di sopracciglio da parte di Insieme per L’Aquila per una decisione “non condivisa”, ma niente più, e fiducia al sindaco assicurata. Adesso la questione rimpasto, con  un nuovo “sgarro” al gruppo, di fatto fuori dalla nuova Giunta.

La conferenza stampa di Roberto Junior Silveri, gli scenari.

È prevista per domani la conferenza stampa del consigliere comunale Roberto Junior Silveri, capogruppo di Insieme per L’Aquila. Un ruolo non specificato nel testo dell’invito. Può voler dire tutto o niente, ma tra gli scenari possibili, dopo l’ennesimo “sgarro” potrebbero esserci le dimissioni da capogruppo di Silveri, che così si riserverebbe il ruolo di “battitore libero”, visto che le ultime scelte di Biondi non permettono al gruppo di assicurare la fiducia incondizionata espressa finora. Una defezione in questi termini potrebbe portare a una “valutazione caso per caso” sui provvedimenti della Giunta portati in Consiglio comunale. E gli altri? Qualcuno sembra già essere pronto a salutare la breve esperienza di Insieme per L’Aquila, a favore di altri gruppi consiliari. Insomma, come successo a Zelli per la Giunta regionale, Silveri potrebbe essere sul punto di non controllare più il gruppo. Difficile infatti che Biondi abbia effettuato il rimpasto sapendo che avrebbe avuto contro 5 consiglieri della sua stessa maggioranza. Qualcuno evidentemente è stato “recuperato” alla causa, qualcun altro sarà costretto a ingoiare l’ennesimo rospo, mentre quello che deciderà Silveri si saprà domani. Ad ogni modo, difficilmente qualcuno uscirà dalla maggioranza, al limite si proverà a coprire la ritirata con il più classico degli strumenti di opposizione interna: la valutazione caso per caso.

X