IlCapoluogo.it - L'aquila News: notizie in tempo reale di Cronaca, Politica, Stefania Pezzopane, Massimo Cialente, Pierpaolo Pietrucci,Collemaggio
festa dei musei: il munda protagonista

Al MuNDA omaggio a Remo Brindisi

15/11 » 07/01/18

EVENTO GRATUITO
: POLO MUSEALE DELL’ABRUZZO MUNDA – MUSEO NAZIONALE D’ABRUZZO Via Borgo Rivera, L'Aquila, AQ, Italia

Al MuNDA omaggio a Remo Brindisi nell’anteprima del centenario della nascita. Da mercoledì 16 novembre.

In sostituzione della mostra programmata “Gli invisibili di Collemaggio”, rimandata per problemi tecnici, il Polo Museale dell’Abruzzo, diretto da Lucia Arbace propone al MuNDA venti opere del Museo Nazionale d’Abruzzo, alcune delle quali mai esposte. Nato a Roma nel 1918 da una famiglia di origini abruzzesi, Remo Brindisi vive dapprima a Penne dove il padre insegna scultura lignea presso la Scuola d’Arte, e poi a L’Aquila per un breve periodo nei primi anni trenta del Novecento. Il Museo Nazionale d’Abruzzo ha acquisito dal poliedrico artista, figlio di un’arte di natura sperimentale e piena di rimandi alle grandi avanguardie europee, un cospicuo numero di opere che coprono l’intero arco della sua produzione. Quelle selezionate per questa prima occasione celebrativa mettono in evidenza l’artista attraverso una produzione che spazia dall’astrattismo all’espressionismo fino ad arrivare a una concezione più originale e personale sia della figura che della natura.

Il rapporto di Remo Brindisi con l’Abruzzo viene sempre alimentato da contatti, rimandi e tematiche rintracciabili nella sua arte. Sul finire degli anni sessanta inizia una collaborazione con l’Arazzeria Pennese, il consorzio che aveva rilanciato l’antica tradizione della tessitura con il telaio. Brindisi si cimenta nella creazione di lavori utili come modelli per la realizzazione di arazzi instaurando un rapporto ancora più autentico con il “suo” Abruzzo.

Affronta in questo periodo tematiche d’attualità legate all’Italia reazionaria degli anni ’60 e primi anni ’70. I suoi colori sono netti e le sue forme dure, l’indagine delle natura avviene attraverso due canali: uno interno fatto di sentimenti e passione, l’altro esterno caratterizzato da una resa più cruda. La mostra rappresenta l’avvio di un percorso di valorizzazione che viene a stabilirsi tra Lucia Arbace, direttore del Polo Museale dell’Abruzzo e Alice Carli, assessore alla cultura del comune di Comacchio. La mostra si terrà da mercoledì 15 novembre fino al 7 gennaio 2018.

MuNDA Museo Nazionale d’Abruzzo, Borgo Rivera, L’Aquila  tel. 0862.28420 – 3355964661e; e-mail pm-abr@beniculturali.it oppure munda.ufficiostampa@beniculturali.it – parcheggio gratuito. Orario: 8.30/19.30. Chiuso il lunedì. Biglietto 4 €, ridotto 2 €. Laboratori didattici a cura dell’Associazione D-Munda cell 329 775 2626

remo brindisi

Vuoi segnalare il tuo evento gratuitamente?

clicca qui e compila il modulo!

X