Pierluigi Biondi, il mio terremoto