L'aquila

Collemaggio, muro davanti alla Porta Santa salvato grazie all’archeologia preventiva

Collemaggio, il muro "nascosto" nella scarpata. La Soprintendenza: "In corso approfondimenti". Per monsignor Antonini sorreggeva un'edicola sacra.

L’AQUILA – Intervento di archeologia preventiva ha permesso di salvare un muro “nascosto” nella scarpata di Collemaggio. La Soprintendenza: “In corso approfondimenti”. Per monsignor Antonini sorreggeva un’edicola sacra.

Una porzione di muro è stata rinvenuta durante i lavori per la realizzazione dei gradoni davanti alla Porta Santa di Collemaggio, in vista della visita di Papa Francesco per la Perdonanza Celestiniana 2022. Contattata a riguardo la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, diretta dal 1° giugno di quest’anno dall’architetto Cristina Collettini, gli uffici preposti hanno sottolineato come il ritrovamento sia stato possibile grazie alle attività di archeologia preventiva in essere sul cantiere di Collemaggio, avviato per la realizzazione dei gradoni e dei sottoservizi per le tv che seguiranno l’Angelus e l’apertura della Porta Santa con Papa Francesco. Naturalmente da parte della Soprintendenza c’è grande prudenza per quanto riguarda datazione e specifiche del manufatto rinvenuto: “Al momento – spiegano al Capoluogo.it i referenti dell’Ente – sono ancora in corso approfondimenti. Non sono stati rinvenuti particolari in ceramica o altre caratteristiche che possano dare indicazioni specifiche in tal senso. Per questo servono approfondimenti”.
Ma se dal punto di vista strettamente “tecnico” la precisa datazione e le ipotesi sulla natura del muro hanno bisogno di ulteriori studi, la particolare posizione del muro non è passata inosservata: “Abbiamo rinvenuto una porzione di muro su cui la Soprintendenza ha giustamente posto attenzione” aveva infatti sottolineato l’ingegner Federico D’Ascanio, che dirige i lavori insieme all’architetto Marina Aquilio. “L’origine del muro pare si possa far risalire alla presenza un tabernacolo, essendo posto esattamente in asse con la Porta Santa”.

Papa Francesco alla Perdonanza, dentro il cantiere di Collemaggio: ecco i gradoni

La soluzione è stata proposta da monsignor Orlando Antonini, tra i massimi esperti di storia e architettura aquilana, che ha trovato la corrispondenza, nella posizione in cui è apparsa la muratura, con un’edicola sacra, attualmente custodita presso la chiesa del Soccorso, anche se l’affresco che conteneva è andato perduto. La muratura, quindi, dovrebbe essere la struttura che sorreggeva quell’edicola. In attesa dell’ufficializzazione, da parte della Soprintendenza, dei risultati degli approfondimenti in corso, la porzione di muro è stata protetta e valorizzata: “È diventata il fulcro del nostro lavoro – ha spiegato al Capoluogo.it l’ingegner D’Ascanio – e naturalmente ha comportato la necessità di una variante, per la giusta attenzione della Soprintendenza che ha monitorato i lavori attraverso i propri archeologi”. Una variante e qualche piccolo ritardo nei lavori, un “prezzo” assolutamente irrisorio, rispetto all’importanza del ritrovamento che, anche dal punto di vista puramente estetico comunque valorizza i nuovi gradoni che andranno ad accogliere fedeli e giornalisti per l’apertura della Porta Santa nell’ambito delle Perdonanza 2022.

viale collemaggio
leggi anche
cantiere collemaggio gradoni scalinata porta santa
L'aquila
Papa Francesco alla Perdonanza, dentro il cantiere di Collemaggio: ecco i gradoni
papa francesco perdonanza collemaggio sopralluogo
Perdonanza 2022
Papa Francesco alla Perdonanza, gradinata Porta Santa pronta a metà agosto
raffaele daniele collemaggio tribuna
L'aquila
Collemaggio, avviato il cantiere per la Tribuna della Porta Santa