Eventi

San Demetrio, prima edizione della Settimana dell’arte

Dal 16 al 23 luglio a San Demetrio la prima edizione della Settimana dell’arte.

Dal 16 al 23 luglio a San Demetrio la prima edizione della Settimana dell’arte.

Al via la prima Edizione della Settimana dell’Arte di San Demetrio ne’ Vestini, una nuova iniziativa dell’Amministrazione Comunale in collaborazione con due soggetti operanti sul territorio: l’Ente di Terzo Settore Arti e Spettacolo e l’associazione 1CONA che dal 16 al 23 luglio animeranno Piazza Garibaldi con le proprie proposte artistiche fra danza, teatro e musica. Afferma il Sindaco, Antonio Di Bartolomeo, che ha fortemente voluto il programma: “L’obiettivo della Settimana dell’Arte è quello di restituire agli abitanti di San Demetrio uno dei luoghi più importanti del paese: la piazza. Prima del terremoto la piazza ospitava attività commerciali ed era luogo di incontro degli abitanti. Negli ultimi anni, purtroppo, questo spazio si è svuotato, non solo in senso fisico, ma soprattutto della sua essenza e della sua funzione di luogo di aggregazione e condivisione. La Settimana dell’Arte è stata resa possibile grazie alla proficua collaborazione delle realtà culturali che lavorano quotidianamente sul territorio del nostro Comune. Un cartellone nutrito per cui si è reso necessario il supporto, oltre che della nostra Amministrazione anche  del Consiglio Regionale e della  Fondazione Carispaq nonché della Fondazione Senatore Cappelli che ringraziamo per l’interesse e la disponibilità. Il programma prevede proposte di teatro musica e danza, che si svolgeranno o al tramonto o in prima serata, per permettere una più ampia partecipazione degli abitanti (e non solo) e per riassaporare insieme il senso profondo dell’agorà, sia di giorno che di notte”.

san demetrio settimana dell'arte

Primo appuntamento Sabato 16 luglio alle 19 con Passeggiando con le storie, una narrazione itinerante con cui Arti e Spettacolo ha voluto rendere omaggio a Rosella Iafrate, cittadina di San Demetrio ne’ Vestini, che ha raccolto negli anni nei suoi testi, le memorie del paese, dei suoi riti e dei suoi personaggi. La narrazione itinerante si svolgerà nel centro di San Demetrio; i partecipanti, dotati di cuffie wireless, potranno ascoltare le storie dei personaggi nella dimensione nuova, intima e immersiva di una drammaturgia sonora.  È questo un ulteriore tassello del prezioso lavoro di recupero e indagine sui ricordi e sulla memoria, per ricostruire con gli abitanti del territorio una nuova identità  attraverso il linguaggio universale del teatro. La performance, inoltre, è parte del progetto “Paesaggi spettacolari”, un progetto di rete trasversale che punta alla (ri)creazione di una comunità attraverso la valorizzazione del patrimonio artistico e culturale del territorio. I testi sono di Rosella Iafrate, la drammaturgia di Sara Cocuzzi, le voci in cuffia di Donato Angelosante e Tiziana Irti; cura il suono  Diego Sebastiani e Giancarlo Gentilucci firma la regia.
Ancora teatro con Arti e Spettacolo per il secondo appuntamento, domenica 17 luglio, sempre alle 19 con Racconto personale, uno spettacolo di e con Mamadou Diakité, scritto in forma di racconto da Stefania Marrone a cura di Cosimo Severo e prodotto dalla Bottega degli Apocrifi di Manfredonia.  Un racconto personale, come rivela il titolo, come quelli che capitano in fila alle poste o in una sala d’attesa, ogni volta che qualcuno ha voglia di ascoltare e si trova a scoprire quanto  siano simili le emozioni e i bisogni di ciascuno seppure le esperienze di vita siano diverse e lontane. A offrire la propria sarà Mamadou, un giovane cittadino della Costa d’Avorio che si è messo in viaggio per avere una occasione nella vita, per inseguire un sogno. Una storia che attraversa il deserto e che comincia con l’incontro con il trafficante più in gamba di tutta l’Africae che arriva fino a noi. Il progetto s’ispira a quello della Human Library nata in Danimarca, nella ferma convinzione che raccontarsi sia il modo migliore per avvicinarsi, anche e soprattutto negli ultimi anni che hanno richiesto una lontananza fisica.
La settimana dell’arte riprende poi Martedì 19 luglio alle 21 con la prima proposta di 1CONA. A San Demetrio arriva Flavia Massimo – violoncellista contemporanea, sound designer, curatrice di eventi e direttrice artistica di “Paesaggi Sonori”, originale festival di eventi culturali in luoghi naturalistici d’eccezione – che presenterà il suo primo album da solista, l’affascinante ed elegante Glitch uscito l’8 giugno per l’etichetta inglese Audiobulb Rec. Uno showcase espressivo del suono altamente sviluppato e ricercato in cui il violoncello è potenziato con tecniche estese, voce, synth, field recording, loop e live electronics,
Mercoledì 20 luglio alle 19 è la volta della danza con Arti e Spettacolo che propone Il movimento creativo incontra gli abitanti di e con Camilla Monga, coreografa attualmente in residenza presso il Nobelperlapace, con il contributo dei partecipanti al laboratorio di movimento creativo che la coreografa sta tenendo con gli abitanti del territorio: un lavoro intergenerazionale che coinvolge partecipanti dagli 11 ai 70 anni di età, con l’obiettivo di metterli in relazione attraverso il movimento e la creatività, facendo sperimentare loro un linguaggio diverso da quello a cui sono abituati nella quotidianità.  La performance prevede momenti  di soli di Camilla Monga e movimenti corali dei partecipanti, accompagnati dalla musica dal vivo di Armando Rotilio, musicista e attore da 25 anni impegnato nella riproposizione ed innovazione delle forme tradizionali di espressione popolare del proprio territorio.
La settimana continuerà poi con tre appuntamenti curati da 1CONA: Giovedì 21 alle 21 sarà la volta di Romanzo a Parigi de Les Petits Papiers, un quartetto jazz manouche, formatosi a L’Aquila nel settembre 2017 da un’idea della cantante Federica Di Stefano. Lo spettacolo, che prevede musica intervallata da narrazioni e aneddoti, ci porta nella Parigi salottiera degli anni ‘30 e ‘40, dove la leggerezza della musica americana e la passione dell’est Europa trovano una sintesi perfetta. Il repertorio è costituito da grandi classici del primo swing americano, brani della canzone francese dei primi anni del Novecento e brani della tradizione del jazz manouche – genere musicale sintetizzato dalla genialità di Django Reinhardt. Venerdì 22 luglio, sempre alle 21, sarà la volta di Essenza, uno spettacolo di danza acrobatica aerea che porterà lo spettatore ad immergersi, attraverso i quattro elementi fondamentali della natura, in un percorso intimo e sensoriale, realizzato dall’associazione sportiva Fly Factory ASD. Serata conclusiva, sabato 23 luglio alle 19 con il Coro della Portella diretto dal maestro Enzo Vivio, attivo da 40 anni. I suoi canti di montagna hanno animato circa 800 concerti in Italia e all’Estero, manifestazioni musicali di grande prestigio, trasmissioni radiofoniche e televisive, diventando un punto di riferimento nell’interpretazione del canto popolare abruzzese e, più in generale, italiano.
Per tutta la durata dell’iniziativa, presso la sede dell’Associazione 1CONA in Via Nazionale 30, sarà possibile visitare le esposizioni di artigianato artistico di Felice Mastrangeli – artigiano locale, presenterà le sue opere artigianali in legno massello e resina – e Stella Lucente, ultima ceramista di incisione della storica arte aquilana, oltre alle opere di tre fotografe.
Debora Bella  che in Natura e artificio, con fotografie in doppia esposizione, racconta il delicato rapporto tra la madre terra e la mano dell’uomo attraverso opere che  hanno lo scopo di mettere insieme ma nello stesso tempo in contrapposizione natura e artificio.
Irene Marotta che nelle opere esposte sembra di ascoltare il grido disperato di ulivi e alberi secolari colpiti e devastati dal batterio xylella. Le foto analogiche scattate con scatole “Pin-Hole”, vere e proprie macchine fotografiche artigianali realizzate a mano con box di carta e latta a cui viene praticato un “foro stenopeico”.
Alessandra Bianchi  che presenterà una raccolta di foto parte del suo progetto “Uomo e natura” in cui il corpo umano si fonde e viene assimilato dalla natura circostante senza più distinzione tra volto e cielo, gambe e terra, ventre e fiore.

Per tutte le informazioni, aggiornamenti ed eventuali cambiamenti al programma sulle pagine Facebook di Comune di San Demetrio,Arti e Spettacolo, 1CONA-

leggi anche
collina santa croce via crucis san demetrio ne' vestini
Il belpaese
I Luoghi del Cuore FAI, l’Abruzzo brilla con San Demetrio e Rocca Calascio
Beer Festival San Demetrio ne' Vestini
Eventi
San Demetrio ne’ Vestini, arriva il primo Beer Festival: la festa della birra artigianale