Quantcast
Elezioni 2022, record per FdI: "Con Biondi risultati mai raggiunti da quando c'è l'elezione diretta del sindaco" - Il Capoluogo
Politica

Elezioni 2022, record per FdI: “Con Biondi risultati mai raggiunti da quando c’è l’elezione diretta del sindaco”

L'AQUILA - Analisi del voto amministrativo da parte di FdI: "Partito più votato del centrodestra, a L'Aquila risultato mai raggiunto da qualunque coalizione da quado c'è l'elezione diretta del sindaco".

L’AQUILA – Analisi del voto amministrativo da parte di FdI: “Partito più votato del centrodestra, a L’Aquila risultato mai raggiunto da qualunque coalizione da quado c’è l’elezione diretta del sindaco”.

Grande soddisfazione è stata espressa questa mattina dai rappresentati regionali e provinciali di FdI, nell’ambito della conferenza stampa convocata per l’analisi del voto che ha fatto registrare per il partito di Giorgia Meloni quasi un 20,5% che lo proietta come protagonista indiscusso di questa tornata amministrativa, a L’Aquila e non solo. “Da quando c’è l’elezione diretta del sindaco – ha sottolineato Pierluigi Biondi – nessuna coalizione aveva raggiunto un consenso tale, 58% per le liste e 54% per il sindaco. Le altre volte che c’è stata l’elezione al primo turno, per il secondo mandato di Tempesta nel 2002 e il primo di Cialente nel 2007, la percentuale si è fermata al 53%”. Questi numeri, per il sindaco, fanno delle elezioni 2022 “una tornata elettorale epocale per L’Aquila e la coalizione di centrodestra, che registra un importante segnale di consolidamento. FdI elegge sette consiglieri, di cui tre donne; anche le prime non elette sono donne ed è la miglior risposta alle polemiche sulla foto delle 99 Cannelle. Questo risultato – ha concluso Biondi – rappresenta la rivincita della politica contro l’antipolitica e quel ‘taxi civismo’ spesso usato dal centrosinistra”.

Soddisfatto anche il coordinatore regionale di FdI, Etel Sigismondi, che parla di “partita chiusa” anche rispetto alle critiche sulla classe dirigente del partito: “In tutti i centri sopra i 15mila abitanti e in tantissimi altri comuni aumentiamo i consensi rispetto a 5 anni fa, il che vuol dire che in Abruzzo c’è voglia di centrodestra e questi numeri ci fanno ben sperare anche per le prossime politiche e regionali, dove il centrodestra arriverà sicuramente con il vento in poppa”.

“Con la recente deflagrazione del M5S – ha aggiunto l’assessore regionale Guido Liris – si rileva il fallimento di quel modello e il riemergere dei partiti, fatti di militanza, gavetta e presenza sul territorio. Il risultato delle elezioni rappresenta i frutti che sono stati seminati negli anni precedenti”. Dati che rappresentano inoltre “una crescita armonica ed equilibrata del partito, la cui proposta trascina il centrodestra verso le regionali che ci vedranno prevalere”.

E un passaggio sulle regionali anche dal sottosegretario Umberto D’Annuntiis, che – dopo aver analizzato i risultati positivi di Tortoreto e Martinsicuro, insieme alla coordinatrice provinciale di Teramo, Marilena Rossi, lancia la sfida: “Marsilio sarà il primo presidente rieletto della Regione Abruzzo“.

La conferenza stampa

Il comunicato

“Fratelli d’Italia e il centrodestra escono nettamente vincitori, senza timore di smentita, da questa tornata elettorale. In particolare il nostro partito conquista un risultato importantissimo, sia per la considerevole crescita in termini percentuali, sia per la riconferma di uno dei nostri dirigenti di spicco, il sindaco Pierluigi Biondi, alla guida della città capoluogo d’Abruzzo. La vittoria a L’Aquila ha un duplice significato: la classe dirigente di FdI è matura, pronta e dotata di grande capacità amministrativa; al tempo stesso, l’azione politica del centrodestra gode di alto consenso. Così il segretario regionale del partito, Etelwardo Sigismondi, ha esordito in conferenza stampa, questa mattina, nella sala ‘Fabiani’ del Consiglio regionale, indetta per illustrare una dettagliata analisi del voto delle elezioni amministrative dello scorso 12 giugno.  “Siamo contenti per il grande successo riscosso a L’Aquila al primo turno – ha proseguito – e sottolineo come FdI nel capoluogo, con circa il 20,5 %, abbia fatto registrare il miglior risultato tra i capoluoghi italiani chiamati al voto. Ma oltre al risultato di L’Aquila, in tutti i comuni in cui si è votato a doppio turno, Fratelli d’Italia è riuscita a raddoppiare i suoi consensi, risultando il partito più votato del centrodestra in Abruzzo. Il ringraziamento va, quindi, a tutta la classe dirigente del partito e a tutti i nostri candidati. Cresce anche la fiducia intorno ai rappresentanti di Fratelli d’Italia, che si pongono sempre più come punto di riferimento dell’elettorato, come dimostra l’incremento del consenso personale che Biondi su l’Aquila e Di Nardo su Ortona, hanno registrato rispetto alle precedenti consultazioni.

È da rilevare come il risultato complessivo della coalizione di centrodestra, nei comuni a doppio turno, segni un consistente incremento di voti, rispetto al passato, cui bisogna aggiungere le rilevanti vittorie nei comuni a turno unico.  Dati e fatti che dimostrano il grande apprezzamento che in Abruzzo c’è nei confronti di Fratelli d’Italia, del centrodestra e delle amministrazioni guidate dalla nostra coalizione ad iniziare dal lavoro svolto in Regione dal Presidente Marsilio. Tutto ciò proietta il centrodestra ad essere la compagine favorita alle prossime elezioni politiche e alle regionali del 2024. Scottante è stata, invece, la sconfitta della coalizione di centrosinistra i cui esponenti hanno invano lavorato alla costruzione di un ‘campo largo’, infatti se si analizzano i risultati e le conseguenti faide post voto, si è piuttosto delineato un ‘campo dilaniato’ incapace di rinnovarsi e di apparire credibile agli occhi dell’elettorato. Non ci soffermiamo sul dato del Movimento 5stelle, soffocato dall’egemonia del Partito Democratico che ha portato al crollo elettorale e alla scissione delle ultime ore”. “Fratelli d’Italia – ha dichiarato l’assessore regionale, Guido Quintino Liris – diventa il punto di riferimento di una coalizione che oggi rappresenta un modello da esportare in tutta la regione e su tutto il territorio nazionale. Il centrodestra unito, a trazione FdI è una garanzia per gli elettori e soprattutto per gli elettori di cdx che apprezzano la compattezza in grado di determinare proposte politiche e programmatiche vincenti. Elemento attrattivo, questo, anche di forze non politiche e partitiche. Pertanto siamo di fronte ad una classe dirigente che si mostra all’altezza dei tempi che stiamo vivendo e che dopo questa tornata elettorale si prepara alle sfide dell’anno prossimo: la città di Teramo a livello regionale, e le elezioni politiche a livello nazionale, creando i presupposti per una conferma del cdx in Regione fra due anni”. “Nell’ambito dell’ottima prestazione della coalizione di centrodestra –  ha rimarcato il sindaco del capoluogo abruzzese e commissario provinciale di Fdi, Pierluigi Biondi –  spicca il dato di Fratelli d’Italia, che ha ottenuto non solo il miglior risultato nei capoluoghi di provincia chiamati al voto due domeniche fa ma di tutte le amministrative che si sono svolte da quando è nato il partito.  Dal 1994, anno di entrata in vigore della legge che consente l’elezione diretta dei primi cittadini, a L’Aquila mai una coalizione ha ottenuto oltre il 58% delle preferenze come accaduto a quella di centrodestra e mai un candidato sindaco ha superato il 54% delle preferenze come accaduto il 12 giugno scorso. È stata una tornata elettorale epocale. Fdi esprime sette consiglieri, di cui tre donne, e le prime tre posizioni dei non eletti sono occupate da altrettante candidate: un segnale chiaro e che testimonia come le donne in Fratelli d’Italia siano capaci e in grado di ottenere considerevoli risultati. Il partito è cresciuto sull’intero territorio, dove governa in alcune delle città più importanti della provincia e ha visto molti sindaci e amministratori confermati in queste ultime elezioni, ed è pronto a fare la sua parte in occasione delle prossime elezioni politiche e regionali. Ritengo che queste affermazioni confermino il valore della politica e della preparazione contro l’antipolitica e la sua perversa logica dell’uno vale uno”. Presenti in conferenza stampa anche il sottosegretario alla presidenza della Giunta regionale e consigliere di FdI, Umberto D’annuntiis, e la coordinatrice FdI della provincia di Teramo, Marilena Rossi.  “Esprimo la massima soddisfazione per la riconferma del sindaco Biondi a L’Aquila – ha affermato D’Annuntiis –  così come per i risultati  nel teramano, soprattutto in due centri importantissimi quali Martinsicuro e Tortoreto dove abbiamo ottenuto brillanti risultati, rispetto alle precedenti elezioni: ad esempio a Martinsicuro il sindaco ha vinto al primo turno lasciando scomparire dalla scena il Pd, e i candidati di Tortoreto hanno quasi triplicato i loro consensi. Ora si apre la partita più importante che riguarda la città di Teramo affinché possa , dopo l’Aquila, segnare un punto di partenza sia delle elezioni politiche sia di quelle regionali, anche per certificare l’ottimo lavoro svolto dal presidente Marsilio che ha tutte le carte in regola – ha concluso D’Annuntiis – per essere il primo presidente riconfermato nella storia della Regione Abruzzo”.

leggi anche
pierluigi biondi
Elezioni 2022
Elezioni L’Aquila, Pierluigi Biondi proclamato sindaco e definiti i Consiglieri
marco marsilio pierluigi biondi
Lo scontro
Elezioni L’Aquila, Marco Marsilio: “Sciolto il guinzaglio della sinistra sugli elettori”
pierluigi biondi giorgia meloni
Camere con vista
Elezioni 2022, il centrodestra unito vince: Fdi traino, il Pd regge, sfascio 5Stelle
pierluigi biondi giorgia meloni
Elezioni l'aquila
Elezioni L’Aquila, Fratelli d’italia e Lega i partiti più votati
raffaele daniele
Elezioni 2022
Elezioni L’Aquila, Raffaele Daniele il più votato nella lista di Fratelli d’Italia
biondi grande ap
Politica
Nuova Giunta L’Aquila, Biondi: “Assessori di qualità rappresentativi di tutte le liste”