Quantcast
L'approfondimento

Grotte di Stiffe, dal passato i conti non tornano: biglietteria proibita e 167mila euro a una società privata

Grotte di Stiffe, Di Bartolomeo sulla passata gestione. "500mila euro per la biglietteria Livigno, inutilizzata perché l'area mai ceduta al Comune, e 167mila euro pagati a una società privata. Molte stranezze"

Grotte di Stiffe, si riparte senza dimenticare la discussa biglietteria dell’area Livigno: sorta grazie a una donazione del Comune di Livigno al Comune di San Demetrio, mai ceduta a quest’ultimo. Le precisazioni del sindaco di Bartolomeo.

leggi anche
grotte di stiffe Atc
Turismo e territorio
Grotte di Stiffe, l’Azienda speciale per il rilancio: obiettivo 100mila visitatori

Nel corso della presentazione dell’Azienda speciale Territorio e Cultura che gestisce le Grotte di Stiffe dal 2 aprile scorso, si è tornati a parlare anche della biglietteria dell’area Livigno, da anni abbandonata e scarsamente utilizzata nell’area di Stiffe. Proprio le Grotte di Stiffe, recentemente, erano finite al centro della polemica sollevata dal consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, riguardo agli anni di gestione 2018/2021 e all’azione dell’ANAC su alcune verifiche relative alla gestione tra Comune di San Demetrio e azienda Progetto Stiffe Spa.
Il primo cittadino: “Il Comune, oggi, si ritrova a dover pagare le spese di contenziosi annosi e, soprattutto, non dispone della biglietteria dell’area Livigno per soli 6mila euro che il Comune avrebbe dovuto versare per acquisire l’area. Seimila non sono stati versati, ma centinaia di migliaia di euro sono stati pagati dal comune a privati“. 

leggi anche
Pierpaolo pietrucci
La polemica
Grotte di Stiffe, Pietrucci: “Visitatori dimezzati per una gestione incomprensibile”
grotte di stiffe Atc

Questa la ricostruzione del sindaco Antonio Di Bartolomeo: “Il Comune è socio di minoranza assoluta della Progetto Stiffe Spa, ma arrivata l’interrogazione dell’ANAC ho esaminato con attenzione il quadro della situazione, in particolare il fascicolo relativo alla realizzazione Punto accoglienza – biglietteria Livigno, dal quale sono emerse alcune stranezze”. 
Per la realizzazione della biglietteria sono stati spesi quasi 500mila euro di contributi, su un terreno di privati che doveva essere subito ceduto al Comune di San Demetrio ne’ Vestini. La cessione, tuttavia, non è mai avvenuta, nonostante fosse prevista da un accordo di programma. Tutto questo sta comportando esborsi notevoli per via dei contenziosi ad oggi esistenti tra il Comune e la Progetto Stiffe Spa.
In sostanza, si tratta della realizzazione di sottoservizi e di un immobile donato dal Comune di Livigno alla comunità di San Demetrio, che ha donato all’ente comunale 300mila euro. Questa comunità, oggi, nonostante la spesa complessiva di 500mila euro non ha nelle disponibilità l’area su cui sorge la biglietteria. Anzi, questo punto accoglienza ormai sta diventando obsoleto e non viene utilizzato più da nessuno”.

“Non si tratta, comunque, dell’unica stranezza venuta fuori dai controlli che abbiamo effettuato in seguito all’interrogazione dell’ANAC. Infatti, nel faldone esaminato risulta un trasferimento da parte del Comune di San Demetrio di 167mila euro a favore di un’impresa vicina all’allora Presidente del CDA della Progetto Stiffe Spa. Ad attestare questo trasferimento 3 determine sindacali.
Non conoscendo la natura di questi atti, ho chiesto delucidazioni al Segretario comunale, il quale ci ha spiegato che simili atti possono essere redatti dal sindaco solo in casi di assenza di personale tecnico deputato alla gestione degli stessi. La stranezza sta nel fatto che, in quel periodo, vi era un dipendente assunto in Comune, il quale aveva la qualifica necessaria alla redazione di tale atto. Presumo, comunque, si trattasse di risorse per i lavori necessari alle urbanizzazioni dell’area sulla quale sono stati realizzati i manufatti da cedere al nostro Comune. Nonostante, poi, tali manufatti non siano mai stati ceduti all’ente”. 

In conclusione, ha specificato Di Bartolomeo: “Il Comune ha ricevuto 300mila euro di finanziamenti dal Comune di Livigno per la realizzazione della biglietteria, ma – invece di una realizzazione diretta – l’ente comunale ha ceduto i contributi alla Progetto Stiffe Spa, in virtù di un protocollo che prevedeva, una volta realizzato l’immobile, la cessione dell’area di sedime a favore dell’ente da parte della progetto Stiffe per 6mila euro: l’area, tuttavia, non è mai stata ceduta al nostro Comune.
Le opere di urbanizzazione sono state realizzate, inoltre, da una società vicina all’allora Presidente della Progetto Stiffe Spa. Una vicenda sicuramente singolare”.
Le precisazioni del sindaco sono arrivate nel corso della conclusione della conferenza stampa.

 

leggi anche
grotte di stiffe Atc
Turismo e territorio
Grotte di Stiffe, l’Azienda speciale per il rilancio: obiettivo 100mila visitatori
grotte di Stiffe 2020
Attualita'
Grotte di Stiffe, 8mila visitatori nei primi due mesi di gestione dell’Azienda speciale Territorio e Cultura
grotte di stiffe pietrasecca turismo
Turismo
Grotte di Stiffe e di Pietrasecca, progetto di turismo esperienziale
grotte di Stiffe
Cronaca
Le grotte di Stiffe diventano un laboratorio naturalistico
Pierpaolo pietrucci
La polemica
Grotte di Stiffe, Pietrucci: “Visitatori dimezzati per una gestione incomprensibile”
annullo filatelico grotte di stiffe
Territorio
30 anni per le Grotte di Stiffe, San Demetrio dedica l’annullo filatelico
mascotte grotte di stiffe
Territorio e promozione
Grotte di Stiffe, un cuore grande così: il pipistrello mascotte e il nuovo logo
grotte di stiffe esplorazioni
Attualita'
Grotte di Stiffe, dopo 25 anni si torna oltre il sifone con le esplorazioni speleosubacquee