Quantcast
La tosatura in Abruzzo, rito di un mondo vero e appassionato - Il Capoluogo
Vlog d'abruzzo

La tosatura in Abruzzo, rito di un mondo vero e appassionato

In una azienda del territorio è appena avvenuta la tosatura di mille pecore. "La pastorizia è una realtà ancora produttiva".

Si è appena svolta la tosatura per mille pecore in una azienda del territorio. Uno dei riti, forse il più intenso, di una pastorizia che resiste.

IL RITO DELLA TOSATURA: IL VIDEO – La foto scattata dal piccolo Pietro racchiude il gran finale di un rito lungo e complesso. La tosatura di mille pecore in una azienda di Barisciano che si è svolta proprio il giorno della festa dedicata al lavoro e ai lavoratori. E’ il rito più intenso, per i pastori abruzzesi e non solo, che in questi giorni con l’approssimarsi della stagione calda si dedicano al rito della tosatura delle greggi.”Oggi in azienda si è svolta la tosatura e questa è una foto che mi ha mandato mio figlio appena finito il lavoro. Una parte del raccolto di quasi 1000 pecore liberate dalla loro lana da 7 tosatori e tante persone ad aiutare. La pastorizia è una realtà produttiva, un capitale di 6 milioni di pecore in tutta Italia.Sono 135.702 le aziende che operano in tutto il territorio nazionale. Famiglie intere che vivono realmente e solo di pastorizia. Questa foto che non è in bianco e nero, racconta la fatica di un mondo vero, appassionato, che resiste e che si porta appresso l’autenticità e la dignità di un mestiere antico, ma che contemporaneamente si traina verso il futuro con tanta speranza. Quel ragazzo seduto lì mi ha scritto: “è stata tosta, ma ce l’abbiamo fatta”…. e ce la fanno sempre. Bravi tutti. Grazie per questa bella lana. Ps: io non c’ero, per me era impossibile esserci oggi, ma ci sarò per tutto il resto appresso. È la mia promessa che si rinnova ogni anno da 15 anni” – così Valeria Gallese che proprio nei giorni scorsi è diventata ambasciatrice nel mondo del Parco Gran Sasso e Monti della Laga.

valeria gallese

Il riconoscimento viene attribuito a chi ha dimostrato di incarnare e trasmettere nel mondo i valori ambientali e culturali dell’area protetta e Valeria questo lo fa da molti anni. Nata ad Avezzano, ma trapiantata all’Aquila dal 2008, ha trasformato la sua passione in lavoro, tra soddisfazioni ed enormi sacrifici. La sua vita e il suo lavoro si svolgono precisamente tra Barisciano, Santo Stefano di Sessanio e Castel del Monte, una casa in mezzo la natura e una bottega in uno dei pesi più belli d’Italia. Valeria viene definita l’artigiana della lana con il suo marchio AquiLana. A metà maggio riaprirà la sua bellissima e colorata bottega che si affaccia sulla Piazza Medicea di Santo Stefano di Sessanio. La bottega resta pur sempre il luogo d’incontro nei mesi estivi, ma dietro c’è un lavoro costante e instancabile di 365 giorni all’anno, anche durante i mesi invernali quando la porta è chiusa si lavora ancor di più. “Lo scorso anno ho trasformato con la forza della mia piccola impresa quasi 10.000 kg di lana sucida”  che hanno raggiunto aziende specializzate italiane che si sono occupate della filatura della lana di Valeria.

valeria gallese

La lana non è solo una materia prima per l’imprenditrice, ma una vera e propria opportunità non soltanto economica, ma anche morale. La lana che Valeria compra dagli allevatori e dai pastori del territorio viene dapprima scelta, poi raccolta, lavata e filata. Il processo prosegue poi con la colorazione che avviene attraverso sostanze naturali. Una lavoro complesso in ogni sua fase in cui in ogni momento la passione risulta essere più grande della fatica e del sudore.

leggi anche
peste suina cinghiali
Sicurezza
Peste suina, l’Abruzzo approva il Piano regionale degli interventi
CALASCIO
Vlog abruzzo
Calascio: il borgo, la rocca, i trekking e la magia senza tempo
tirino
Volg abruzzo
In canoa sul fiume Tirino immersi in un’oasi di tesori