Programmazione

Provincia dell’Aquila, presentato il Piano territoriale di coordinamento: programmazione e nuove opportunità

Una programmazione innovativa di progetti e sviluppo, attraverso lo strumento del Piano di coordinamento territoriale della provincia dell'Aquila: presentata la bozza. Ecco cosa prevede

Presentata ai sindaci della Provincia dell’Aquila la bozza del nuovo Piano territoriale di coordinamento: a breve l’esame di Consiglio provinciale. Uno strumento innovativo per programmare lo sviluppo dei territori.

“Una programmazione territoriale aggiornata e condivisa con tutti i Comuni, che sappia conciliare le ragioni della tutela e quelle dello sviluppo economico, individuando le vocazioni dei singoli territori, è la premessa, oggi quanto mai fondamentale, per cogliere le opportunità offerte dal Piano nazionale di Ripresa e resilienza, e altri strumenti regionali e statali, per mettere dunque a terra ingenti risorse economiche e relativi progetti”.
Questa la sintesi, da parte del presidente della Provincia dell’Aquila, l’avvocato Angelo Caruso, sindaco di Castel di Sangro, dell’importanza del nuovo Piano Territoriale di Coordinamento della Provincia dell’Aquila (PTCP). Il documento preliminare è stato illustrato oggi nella Sala Auditorium di Palazzo Silone, sede della Giunta regionale, alla presenza di sindaci e amministratori.
Il PTCP è l’atto di indirizzo della programmazione socio-economica con cui un ente provinciale definisce gli assi strategici di assetto del territorio, tra cui in particolare quello idrogeologico ed idraulico-forestale, la salvaguardia paesistico-ambientale, il quadro infrastrutturale e lo sviluppo, armonizzando le pianificazioni dei singoli comuni, individuando, ad esempio, tutte le funzioni di interesse sovra-comunale, delle infrastrutture di mobilità più importanti e dei criteri di sostenibilità ambientale, che riguardano i sistemi insediativi locali di area larga.
Alla conferenza sono intervenuti il professor Piero Properzi, redattore del Documento preliminare, Nicolino D’Amico, dirigente provinciale del settore Urbanistica, il professor Fabrizio Politi, esperto in Diritto costituzionale, il professor Roberto Mascarucci, presidente dell’Istituto nazionale Urbanistica (Inu) per l’Abruzzo e il Molise.
Il documento preliminare -, ha reso noto ancora il presidente Caruso – sarà ora approvato a breve in consiglio provinciale, seguirà poi una ulteriore e ancor più puntale fase di ascolto e condivisione con tutte le amministrazioni comunali, che si è comunque già dispiegata in questa prima fase. Per i comuni, soprattutto per quelli di piccole dimensioni, il PTCP rappresenta una mano tesa da parte dell’Amministrazione provinciale, perché consentirà di far pesare le loro esigenze nelle programmazioni regionali e nazionali.
La sinergia tra ente provinciale e Comuni è stata con forza evidenziata dal professor Properzi.
Il nodo fondamentale è quello di fornire uno strumento utile alla pianificazione dei Comuni, utile alla messa a terra dei progetti, nella consapevolezza che abbiamo oggi a disposizione strumenti urbanistici superati, con il quadro di riferimento regionale che ha, ad esempio, più di vent’anni – ha spiegato Properzi -. Nell’attività di aggiornamento reso possibile dal PTCP, determinante sarà però il passaggio da una urbanistica prescrittiva, che approva o boccia un piano comunale, a fine del processo, creando un allungamento e complicazione dell’iter burocratico. Inoltre il PTCP fornirà una base di conoscenza condivisa e subito disponibile, su cui potranno contare, nell’attività di pianificazione urbanistica, in particolare i piccoli comuni che hanno noti problemi di risorse e personale”.
Sulla stessa lunghezza il dirigente Nicolino D’Amico: I territori hanno impellente bisogno di uno strumento urbanistico sovraordinato, chiaro e univoco. Il lavoro che sta svolgendo la Provincia risponde finalmente a questo bisogno, con una impostazione innovativa, che raccoglie a priori le indicazioni e le priorità da parte degli enti locali”.
Ad allargare lo sguardo sulla centralità dell’Ente Provinciale nell’assetto e nell’articolazione istituzionale italiana è il professor Politi.
“L’Ente provinciale, anche nello svolgimento dei suoi compiti in materia urbanistica – ha assicurato il costituzionalista –, conferma la sua necessità e non sostituibilità, smentendo le recenti politiche tese al loro ridimensionamento e marginalizzazione. Le Province non sono certo un’invenzione recente, ma sono il frutto della rivoluzione francese, ovvero di una visione illuministica, pensate come strumento efficiente ed efficace, che esiste in tutti i Paesi europei, di dimensione sovra-comunale, di ente intermedio, di prossimità e di coordinamento ”.
Ha concluso il presidente Inu, Mascarucci: Il quadro nazionale di riferimento sta cambiando, con le modifiche in particolare del Testo unico degli enti locali. L’approvazione da parte delle Province dei Piani territoriali di coordinamento, intercetta e interpreta al meglio questo mutamento, visto che la Provincia rivestirà sempre più un ruolo centrale nella pianificazione territoriale, che a sua volta sarà fondamentale per far atterrare presto e bene le risorse economiche del Pnrr”.
leggi anche
Angelo Caruso
Attualita'
Provincia L’Aquila, un nuovo piano territoriale di coordinamento
lavori in corso
L'aquila
Strade provinciali: un milione di euro per Subequana, Stiffe e Villa Sant’Angelo
borgo medioevale beffi
Il censimento istat
Abruzzo, meno 13mila residenti in un anno: L’Aquila la provincia che perde più abitanti
Sp22 allaccio variante luco dei marsi
Infrastrutture e viabilita'
Sp 22, allaccio strada in variante: ok dalla Provincia
nuovo consiglio provincia l'aquila
Politica
Provincia L’Aquila, insediato il nuovo Consiglio: “Saremo la voce di tutti”
consegna lavori secondo lotto via salaria antica est
Il progetto
Via Salaria Antica Est, consegnati i lavori del secondo lotto
Quirino D'Orazio
Dalla provincia
Quirino D’Orazio consigliere della Provincia dell’Aquila