Quantcast
L'approfondimento

Mafia, Giornata della Memoria e dell’Impegno: la criminalità tra ricostruzione e Covid19

"La mafia uccide, il silenzio pure", Peppino Impastato. 21 marzo "Giornata della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle Mafie": l'impegno della Guardia di Finanza dell'Aquila a contrasto della criminalità organizzata.

“La mafia uccide, il silenzio pure”. (Peppino Impastato)
Oggi, 21 marzo, è la XXVII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle Mafie. L’intervista a chi la mafia la combatte tutti i giorni.

Mafia, studenti aquilani alla giornata del ricordo

Non è mai semplice parlare di mafia e di criminalità organizzata, un fenomeno che, purtroppo, caratterizza da sempre la nostra società e il nostro Paese. Tuttavia è doveroso parlarne, soprattutto alla data in cui ricorre la Giornata della Memoria e dell’Impegno, dedicata proprio alle innumerevoli vittime della corruzione, della violenza e dell’omertà che nutrono, da tempo immemore, il sistema mafioso.
Ed è doveroso ricordare queste vittime, coltivarne la memoria negli anni. Vietato dimenticare. 
Tra le forze dell’ordine impegnate 365 giorni all’anno per combattere le mafie c’è la Guardia di Finanza, che lavora costantemente per difendere la legalità. In Abruzzo e, nello specifico, in provincia dell’Aquila, quali sono i settori in cui la mafia risulta più radicata? Lo abbiamo chiesto al Capitano della Guardia di Finanza dell’Aquila, Emilio Fuscellaro.

“Parlare di criminalità significa affrontare una tematica dalle molteplici sfaccettature e di non semplice analisi, anche in considerazione della continua evoluzione ed espansione collegata al fenomeno della globalizzazione.
Il costante impegno della Guardia di Finanza si rivolge proprio alla tutela della legalità in ogni suo aspetto e quindi anche all’azione volta al contrasto di qualsiasi forma di condotta fraudolenta espletata dalle consorterie criminali, sia di tipo comune che di tipo organizzato. Nella provincia di L’Aquila, centrale è la tematica relativa alla ricostruzione post sisma e agli stanziamenti di fondi pubblici a ciò finalizzati, nei confronti del quale permane una elevata attenzione del Corpo con il puntuale impiego di risorse allo scopo di prevenire e reprimere ogni forma di illecito.
Rilevante è l’impegno espresso, senza soluzione di continuità, nelle attività di approfondimento nei confronti di molteplici soggetti economici (sia persone giuridiche che fisiche), gravitanti nel contesto economico della provincia e riconducibili, a vario titolo, alle tematiche della citata ricostruzione, con riferimento alla necessità di porre in essere una significativa attività di prevenzione dai rischi di infiltrazione criminale negli appalti per la ricostruzione di edifici pubblici e privati.
Permane l’impegno stringente in materia di contrasto alla criminalità organizzata, soprattutto in relazione alle fenomenologie di infiltrazione nel tessuto economico-sociale del territorio, unito alla continua attenzione nello svolgimento degli accertamenti finalizzati alla prevenzione dell’utilizzo del sistema finanziario a scopo di riciclaggio o di altri profili illeciti, nonché al monitoraggio dei flussi collegati ad aspetti di natura patrimoniale ed ascrivibili a soggetti legati alle consorterie criminali”.

leggi anche
cratere sismico 2016 - 2017
Attualita'
Ricostruzione, più controlli antimafia: firmato l’accordo

Un recente rapporto di Libera, l’associazione che porta avanti la sua lotta alla Mafia, definisce e classifica l’Abruzzo come maglia nera in ambito di interdittive antimafia, all’indirizzo di aziende agricole, e in fatto di mancata trasparenza sulla spesa dei fondi ricevuti per l’emergenza Covid19. Un rapporto che parla di “variante Criminalità”. Il tasso di criminalità, nella nostra provincia, in base a tutte le operazioni che avete svolto, è cresciuto in questi due anni di pandemia o risulta grossomodo stabile?

“Con vari decreti sono stati stanziati diversi fondi che hanno intuitivamente attirato interessi criminali, rendendo concreto il rischio di penetrazioni nell’economia legale da parte della criminalità organizzata.
Nello specifico, la previsione di significativi benefici, da un lato rappresentano un importante stimolo all’economia per il superamento della crisi, dall’altro comportano l’adozione di adeguati strumenti di presidio per ridurre al minimo i pericoli di un impiego illecito delle risorse in argomento, correlati a comportamenti abusivi o a propositi predatori.
Le attività investigative sono state finalizzate al contrasto delle condotte più marcatamente fraudolente ed illegali connesse all’emergenza sanitaria ed al sostenimento dell’economia sana del paese, al fine di garantirne i principi di legalità. In questo senso, l’impegno profuso dal Corpo muove dalla necessità di presidiare il sistema economico-finanziario, attivando ogni sforzo operativo al fine di evidenziare i segnali di inquinamento da parte delle consorterie criminali nell’economia legale e contrastando ogni forma possibile di arricchimento illecito connesso allo sfruttamento delle varie tipologie di finanziamenti e fondi legati allo sviluppo del territorio.
La regione, con riferimento al comparto in esame, caratterizzata in parte da un’economia agricola, si presta al rischio di fenomenologie illecite, sotto varie forme, circostanza questa che richiede da parte del Corpo una sempre maggiore attenzione al fine di preservare uno dei settori trainanti dell’economia e del sostentamento locale”.

Mafia dei Pascoli, Abruzzo maglia nera per interdittive

La corruzione agevola lo sviluppo di dinamiche e sistemi mafiosi. Sistemi che riescono, nella maggior parte dei casi, a creare vere e proprie reti, composte da numerosi affiliati, nella triste realtà della criminalità organizzata. Parlando di “pre” e “post” Covid, a livello nazionale e non solo territoriale, gli interessi maggiori delle Mafie sono cambiati o restano gli stessi?

“Gli interessi delle Mafie spaziano dal traffico di sostanze stupefacenti fino ai tentativi di infiltrazione nel tessuto economico-sociale del territorio; in particolare, a livello regionale, emergono sia dinamiche criminali di maggiore impatto sulla sicurezza e sull’ordine pubblico, in specie nelle aree di fascia costiera, nonché i già citati fenomeni di infiltrazione nel tessuto economico. Inoltre, la situazione di emergenza sanitaria correlata al ‘pre’ e ‘post’ Covid espone il tessuto economico-sociale del territorio ai rischi di inquinamento da parte di organizzazioni criminali anche in relazione ai profili di riduzione di liquidità disponibile“.

Quali sono i numeri dell’attività svolta dalla Guardia di Finanza nel 2021?

“Nel corso dell’anno 2021, molteplici sono stati i settori in cui il Corpo ha profuso massimo impegno, raggiungendo importanti risultati.
In particolare, sono state concluse complesse attività investigative nel settore della spesa pubblica, attraverso l’accertamento dell’indebito utilizzo della cosiddetta Cassa Integrazione da Covid-19, con individuazione di lavoratori in nero (cosiddetto ‘Caporalato’) ed esecuzione di vari sequestri.
Numerosi gli interventi (sia nei confronti delle persone fisiche che nei confronti di attività commerciali) finalizzati ad assicurare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19.
Analogamente, particolare attenzione è stata rivolta al settore degli appalti ed ai rischi di permeabilità da parte delle consorterie criminali, per il quale il Corpo, soprattutto in un’area territoriale contraddistinta da dinamiche attrattive riconducibili alla ricostruzione, opera con costante impiego di risorse.
Inoltre, significativo impegno operativo è stato rivolto alla fenomenologia illecita di inquinamento dell’economia legale realizzata mediante l’impiego di maestranze sotto stipendiate, nonché allo sfruttamento delle stesse ad opera di sodalizi criminali“.

leggi anche
pascoli
Il rapporto
Mafia dei Pascoli, Abruzzo maglia nera per interdittive
polizia volanti
Cronaca
Mafia dei pascoli, interdittive antimafia per tre aziende agricole
tribunale l'aquila
Cronaca
Mafia nigeriana a L’Aquila, l’accusa chiede 14 anni per il braccio destro di Titus
black axe polizia
Cronaca
Processo alla Mafia nigeriana, le prime sentenze già a febbraio
mafia nigeriana black axe
Cronaca
Mafia nigeriana a L’Aquila, il processo slitta a gennaio
questura  l'aquila
Cronaca
Mafia nigeriana L’Aquila, ancora arresti: rapina e lesioni a connazionale
cratere sismico 2016 - 2017
Attualita'
Ricostruzione, più controlli antimafia: firmato l’accordo
titus black axe mafia nigeriana
L'aquila
Mafia nigeriana, Titus: ascesa e declino dell’imperatore della Black Axe
black axe polizia
Operazione hello bross
Mafia nigeriana, il capo nazionale della Black Axe comandava da L’Aquila
pascoli
Cronaca
Mafia dei pascoli, dichiaravano terreni nell’aquilano: frode da 157mila euro
finanza
Aiuti
Ucraina, anche la Guardia di Finanza si mobilita per la solidarietà
guardia di finanza
Cronaca
Droga ed estorsioni, maxi operazione della Guardia di Finanza: 20 misure cautelari
sequestro gdf
Cronaca
Lotta al caporalato, vasta operazione della Guardia di Finanza di Avezzano
raffaele daniele lele daniele
Attualita'
Giornata contro le Mafie, Raffaele Daniele: “L’Aquila non sarà mai terra di conquista”
studenti tornimparte verne carabinieri biodiversità l'aquila
Legalita'
Giornata contro le Mafie, i Carabinieri Biodiversità dell’Aquila incontrano gli studenti di Tornimparte
finanza
Cronaca
Percettori indebiti del Reddito di cittadinanza, blitz della Finanza: 177 denunciati
Riunione Prefettura ZES
Progetti, investimenti e legalita'
ZES, riunione tecnica tra le Forze di Polizia e la Finanza contro le infiltrazioni mafiose
guardia di finanza neo marescialli
Eventi
Guardia di Finanza L’Aquila, il giuramento di 1032 allievi marescialli