Quantcast
L'intervista

Abruzzo Sviluppo, terza missione a Dubai: agevolare le relazioni tra imprese e Far East

Convenzione con la Camera di Commercio italiana a Dubai e accordi con le aziende. La terza missione. Intanto la crisi in Ucraina cambia gli scenari del mercato. L'intervista a Stefano Cianciotta, presidente di Abruzzo Sviluppo.

Convenzione con la Camera di Commercio italiana a Dubai e accordi con le aziende. La terza missione. Intanto la crisi in Ucraina cambia gli scenari del mercato. L’intervista a Stefano Cianciotta, presidente di Abruzzo Sviluppo.

Abruzzo Sviluppo mette a disposizione delle imprese regionali le consulenze e la struttura della Camera di Commercio italiana a Dubai. Si tratta di uno dei punti qualificanti della terza missione a Dubai che ha visto protagonista Abruzzo Sviluppo, la società di promozione industriale della Regione, presieduta da Stefano Cianciotta, che al Capoluogo.it spiega: “La firma della convenzione con la Camera di Commercio italiana a Dubai, e gli accordi che alcune imprese abruzzesi andranno a sottoscrivere a Dubai, costituiscono i due momenti fondamentali della nostra terza missione, il cui obiettivo è quello di creare le condizioni perché le imprese abruzzesi possano essere agevolate nella individuazione di partner privilegiati. La convenzione con la Camera di Commercio italiana a Dubai consentirà a tutto il sistema regionale delle imprese di usufruire gratuitamente per un anno della consulenza di un organismo fondamentale per conoscere le dinamiche di business nei mercati emiratini. Questa iniziativa, sotto l’egida della Regione Abruzzo, giunge al termine di un percorso di internazionalizzazione, che ha consentito ad Abruzzo Sviluppo di dialogare con tutto il sistema camerale regionale e con le università abruzzesi per costruire occasioni concrete di internazionalizzazione delle nostre imprese”.
“Nella progettazione della missione – spiega il presidente Cianciotta – si è tenuto conto anche delle due parole chiave di Expo, bellezza e sostenibilità, e attraverso il coinvolgimento del Ministero della Cultura e della Sovrintendenza regionale sono state organizzate due esposizioni, che per 20 giorni all’interno del Padiglione Italia hanno mostrato al mondo il valore della tradizione manuale orafa e ceramista dell’Abruzzo. La sostenibilità è stata promossa attraverso la presentazione di due progetti che testimoniano la capacità di questa regione di innovare e di investire sulla ricerca applicata. Il progetto della macchina a guida autonoma dell’Università de L’Aquila, e quello sulla produzione delle cellule staminali dell’Università di Chieti-Pescara, hanno spiegato che l’Abruzzo sta affrontando le sfide del futuro investendo su settori strategici e che saranno sempre di più connessi: scienza della vita e intelligenza artificiale”. Le opportunità per l’export abruzzese, però, non finiscono qua: “Dubai deve servire come leva e volano per agevolare le relazioni tra il nostro sistema imprenditoriale e il sistema del Far East, che oggi rappresenta solo il 5% del nostro export. Poco davvero se pensiamo che l’Abruzzo è presente in questi mercati, dall’Africa alla Cina, in prevalenza con prodotti agroalimentari. Occorre invece aumentare la penetrazione delle imprese del settore del Fashion, della Meccatronica e della Meccanica di precisione. Da questo punto di vista la partecipazione alla missione di molte imprese del Polo Tecnologico de L’Aquila è stata certamente un punto di forza della proposta abruzzese”.

Abruzzo Sviluppo, la questione energetica e la crisi in Ucraina.

Inevitabile un passaggio sulla crisi in Ucraina, che rischia di mettere in crisi il mercato dell’export: “Quello che sta succedendo – spiega Cianciotta al microfono del Capoluogo – sta accelerando rapporti storici tra Cina e Russia. Con il depotenziamento dell’Europa e il disimpegno USA si è consentito a Cina, Russia e Turchia di entrare nel sistema Mediterraneo libico, rafforzando i mercati del Far East. Quindi, grazie anche all’importante satellite rappresentato dalla Russia, la Cina sarà sempre più forte e le nostre imprese dovranno attrezzarsi per esportare nei mercati dell’Est. Da tutto questo, l’Europa uscirà ulteriormente indebolita”.
Capitolo a parte per la questione energetica, affrontata anche dal premier Draghi: “Dopo il nucleare – sottolinea il presidente Cianciotta – tutto il tema della politica energetica è stato vissuto sull’onda dell’emotività e non sull’evidenza dei dati scientifici. E oggi ci troviamo in un momento di tempesta perfetta  che si configura in quanto sono state fatte delle scelte sbagliate. Oggi colpisce il tema delle bollette, che chi fa impresa e necessita di grandi quantitativi di energia sapeva già da anni delle problematiche legate alla dipendenza energetica da altri Paesi. Purtroppo era già tutto scritto, avendo rinunciato per anni a una seria politica energetica. Fino a un anno fa era impossibile parlare di questi temi, oggi Draghi dice di invertire la rotta. Da verificare se ci riuscirà”.

leggi anche
dubai abruzzo sviluppo
Attualita'
Dubai, firmato l’accordo tra l’Abruzzo e la Camera di Commercio italiana negli Emirati
Marco Marsilio e Barbara Morgante
Amministrazione
Regione Abruzzo, ultimo giorno di servizio per Barbara Morgante
expo Dubai Arap
Il progetto "verde"
Expo Dubai, l’Abruzzo hub internazionale dell’idrogeno
economia imprese abruzzo guerra ucraina
Lo studio
Ucraina, in Abruzzo 17mila imprese a rischio per gli effetti della guerra
wililam zonfa emanuele imprudente bruxelles
Attualita'
William Zonfa ambasciatore dell’agrifood della Regione Abruzzo a Bruxelles
imprudente arap abruzzo Bruxelles
Il confronto
Ucraina, imprese d’Abruzzo sempre più in crisi: tavolo di confronto in Commissione Europea
Regione Abruzzo
Dalla regione
Abruzzo Sviluppo, chiuso in positivo il bilancio 2021
Abruzzo, credito: prestiti Pmi, arriva garanzia statale
Risorse
L’Aquila e Cratere: 6,5 milioni a fondo perduto per le PMI