Quantcast
Masseria Cappelli ed ex scuola Collebrincioni nel Piano ricostruzione CIPE - Il Capoluogo
L'aquila

Masseria Cappelli ed ex scuola Collebrincioni nel Piano ricostruzione CIPE

L'AQUILA - La masseria Cappelli e l'ex scuola di Collebrincioni tra gli interventi programmati nella delibera 48 CIPE.

L’AQUILA – La masseria Cappelli e l’ex scuola di Collebrincioni tra gli interventi programmati nella delibera 48 CIPE.

“Il magnifico casale ‘masseria Cappelli’ al Vasto e la ex scuola di Collebrincioni sono stati ufficialmente inseriti nella programmazione degli interventi di ricostruzione pubblica in base alla delibera 48 del Cipe. L’amministrazione comunale ha avviato l’interlocuzione con l’Usra per passare alla fase operativa e ringrazio il sindaco Pierluigi Biondi per aver recepito la mia istanza includendo queste due importanti strutture nel piano di recupero e riqualificazione”. Lo dichiara Daniele D’Angelo, capogruppo di ‘Coraggio Italia’ al Comune dell’Aquila.

“Si tratta di due plessi immobiliari di grande pregio e di rilevanza strategica per le frazioni e per la montagna aquilana – osserva D’Angelo -. Il loro ripristino e la messa in funzione con progettualità ambiziose potrà dare un grande impulso alla rivitalizzazione dei territori, un punto di riferimento alle comunità e un motivo di richiamo per i turisti che sempre più dovremo essere in grado di attirare sulle nostre meravigliose montagne. La masseria Cappelli può ad esempio essere adibita a punto di ricettività, pernotto e piccolo ristoro per visitatori ed escursionisti, da affidare in gestione a giovani desiderosi di investire e impegnarsi per il  proprio territorio. A Collebrincioni, invece, il plesso della ex scuola si presta a un progetto integrato che possa prevedere una sala conferenze per eventi di approfondimento e divulgazione sui temi montani, una sala polivalente a disposizione del soccorso alpino e dell’associazione degli alpini, un museo rurale della montagna. Sono già al lavoro per la promozione di progetti in tal senso, nel quadro di una visione strategica che il post-pandemia e gli investimenti necessari alla ripartenza potranno agevolare e rafforzare. Una visione che ci è ben chiara – conclude – e che porteremo avanti con sempre maggiore determinazione”.