Quantcast

Blitz antidroga L’Aquila, arrestato l’ultimo indagato e chiusa attività ricettiva

Arrestato l'ultimo indagato nell'ambito dell'operazione antidroga a L'Aquila. È stata, inoltre, chiusa un'attività ricettiva gestita da due indagati.

È stato arrestato l’ultimo indagato nell’ambito dell’operazione antidroga a L’Aquila, scattata all’alba di ieri, 12 gennaio. Durante i controlli e l’esecuzione delle misure è stata, inoltre, chiusa un’attività ricettiva gestita da due indagati, per mancato rispetto della normativa Covid19.

Nel corso della notte i carabinieri della sezione operativa del comando compagnia di L’Aquila hanno rintracciato e arrestato l’ultimo degli indagati che, durante l’operazione antidroga della giornata di ieri, si era allontanato dal proprio domicilio.

L’uomo, un 26enne, dopo ininterrotte ricerche è stato individuato in un comune dell’hinterland romano, dove ha ricevuto la notifica del provvedimento restrittivo ed è stato quindi condotto presso la propria abitazione, in regime degli arresti domiciliari disposti dal GIP del Tribunale di L’Aquila.

Nel corso degli accertamenti, inoltre, i militari hanno sottoposto a perquisizione un bed & breakfast del capoluogo, gestito da due indagati colpiti ieri dall’obbligo di dimora. Dai controlli amministrativi sono emerse irregolarità in merito alla normativa emergenziale per il contenimento della diffusione del virus Covid-19 e per questo motivo l’attività è stata sospesa.