Quantcast

Monopoly dei Borghi più belli d’Italia e d’Abruzzo, Navelli protagonista

Spopola e diverte il Monopoly dei borghi più belli d'Italia, con l'Abruzzo che non poteva mancare. Navelli e il suo zafferano protagonisti

Spopola e diverte il Monopoly dei borghi più belli d’Italia, con l’Abruzzo che non poteva mancare.

Promozione del territorio e tanto divertimento. Questa la formula vincente che si cela dentro la scatola del Monopoly dedicato ai borghi più belli d’Italia e in particolare dell’Abruzzo. Il gioco da tavola realizzato sulla scorta di quello più famoso della società WinningMoves sta spopolando con i suoi imprevisti come: Sono a Navelli è finito lo zafferano, oppure torna indietro di tra caselle e paga il pedaggio raddoppiato sull’autostrada dei Parchi.

Questo per quanto riguarda gli imprevisti, mentre sono molti i riferimenti ai centri abruzzesi che, nel dettaglio, hanno preso il posto di famigerate postazioni come Parco Della Vittoria o Viale Giulio Cesare. Bello e suggestivo anche il taglio della copertina sulla quale campeggia una strepitosa immagine del Gran Sasso e di un altrettanto suggestivo Trabocco.

“Dopo che lo abbiamo distribuito ai bambini, in occasione delle festività legate all’Epifania ”, ha detto il sindaco di Navelli Paolo Federico, “abbiamo cominciato a ricevere continue segnalazioni di persone che si stanno divertendo nel gioco del Monopoly e non sono tutti bambini. Anzi molti sono gli adulti che proprio per le caratteristiche del gioco stanno passando ore liete in famiglia o con gli amici. Un fatto non da poco in questi tempi”.

Il Monopoly dedicato ai borghi più belli d’Abruzzo sta dunque riscuotendo un ottimo successo e non è escluso possa in breve tempo trasformarsi in un nuovo oggetto di culto del quale andare fieri. Nel mentre non resta che giocare cercando di accaparrarsi le postazioni con più alto valore e cercare di realizzare le case e gli alberghi per portare sul lastrico gli altri concorrenti. Un modo per cercare di alleviare le problematiche legate a questo periodo non sempre spensierato come dovrebbe essere.