Quantcast

Audiosalus e ‘Nduccio, una serata per celebrare i successi dell’azienda aquilana

Audiosalus incontra dipendenti e clienti per celebrare i successi ottenuti: l'azienda tutta abruzzese è stata premiata dal Sole 24 Ore. 'Nduccio ospite speciale. Le interviste.

L’AQUILA – Audiosalus incontra dipendenti e clienti per celebrare i successi ottenuti. ‘Nduccio ospite speciale. Riconoscimento da IlSole24Ore: 31° posto assoluto tra le imprese con maggior crescita, prima nel settore di competenza.

Una serata conviviale animata da un’ospite d’eccezione per celebrare la crescita aziendale ottenuta da Audiosalus e “certificata” da IlSole24Ore, quella voluta dal founder della società, il dottor Loreto Fantauzzi, che ha riunito personale e clienti per una festa particolare. Protagonista d’eccezione, l’ambasciatore abruzzese della risata, il mitico ‘Nduccio, che ha animato la serata, regalando musica e divertenti gag di cabaret agli ospiti convenuti presso il ristorante Olimpo.

“Non considero questo risultato come un punto di arrivo – ha sottolineato Fantauzzi – quanto uno sprone a fare sempre meglio. Rappresentare l’Abruzzo tra le eccellenze italiane presenti in questa prestigiosa classifica è un motivo di orgoglio per noi tutti. Ringrazio, quindi, il mio gruppo, una squadra unita ed affiatata mossa dalla passione e costantemente rivolta al benessere uditivo del paziente”.

Come evidenzia infatti IlSole24Ore nella prestigiosa classifica curata in collaborazione con Statista, la business platform numero uno al mondo nella somministrazione di dati sull’andamento dei mercati, l’aquilana Audiosalus, oltre a conquistare il 31° posto assoluto, si attesta come prima del settore in Italia.

audiosalus nduccio

Mattatore della serata, come detto, ‘Nduccio, che ha divertito la sala, senza dimenticare messaggi importanti, nel perdurare dell’emergenza Covid: “Pochi giorni fa ho fatto la terza dose di vaccino – ha sottolineato al microfono del Capoluogo.it – facciamolo tutti, è importante”.

A margine della serata, le interviste al dottor Loreto Fantauzzi e a ‘Nduccio.

Pubbliredazionale