Quantcast

Immaginari di legalità, all’Emiciclo il ricordo di Rosario Livatino nel corto della Roma Film Academy

Immaginari di Legalità, il ricordo del giudice beatificato Rosario Livatino, riflessioni e focus sulle nuove mafie e la globalizzazione. L'evento all'Emiciclo

Immaginari di Legalità, memoria – quella del giudice beatificato Rosario Livatino – riflessioni e focus sulle nuove mafie e la globalizzazione. L’evento, in programma all’Emiciclo, vedrà la proiezione del cortometraggio che racconta il “giudice ragazzino”, realizzato dagli allievi della Roma Film Academy.

“Immaginari di Legalità”, l’evento si terrà a L’Aquila – presso la Sala Ipogea dell’Emiciclo – il prossimo 2 dicembre dalle ore 10:30.

Immaginari di Legalità sarà un momento di approfondimento, durante il quale verrà proiettato e commentato il cortometraggio che – in omaggio alla memoria del giudice Rosario Livatino (recentemente beatificato) – gli allievi della “Roma Film Academy” (Rfa) hanno realizzato ispirandosi al romanzo di Salvatore Renna: “Un giudice ragazzino”.

Il film – scritto da Marika Carolla e diretto da Pier Glionna – ha anche l’onore di aprire l’ultima edizione del “Festival della legalità (ad Andria)” ed è stato selezionato nel programma “Scuole” della prestigiosa rassegna “Cartoons on the bay”. La “Roma Film Academy” – con sede a Cinecittà – è una scuola di alta formazione che offre corsi di specializzazione per le professioni del Cinema (www.romafilmacademy.it)

immaginari di legalità

All’iniziativa “Immaginari di Legalità” (organizzata da “L’Aquila che Rinasce”, con patrocinio del CRA e dell’ODG-Abruzzo) parteciperanno, tra gli altri:

i vertici della Corte d’Appello d’AbruzzoFabrizia Francabandera e Aldo Manfredi, il preside della facoltà di Scienze della Comunicazione di Teramo, Christian Corsi, il presidente de “La Lanterna magica”, Corrado Camilli, la dirigente scolastica Agata Nonnati e la responsabile della casa-famiglia “il Cenacolo degli angeli”, Antonella Di Gregorio. Per “L’Aquila che Rinasce”, interverrà il Segretario generale dell’associazione: Lorenzo Maria Isidori. L’introduzione sarà affidata al presidente dell’ODG-Abruzzo, Stefano Pallotta.

Questa iniziativa vuole sensibilizzare soprattutto i più giovani sul fatto che le “nuove mafie” sono perfettamente integrate nella globalizzazione dei mercati finanziari e nel flusso immediato delle informazioni che le reti rendono possibile. Queste strutture sono così pericolose per le dimensioni dei loro traffici, che hanno ormai raggiunto dimensioni continentali o planetarie. Le nostre società occidentali mostrano di fronte a questa aggressione una grave “deficienza immunitaria”. “Per sconfiggerle – afferma Salvatore Santangelo (RFA)occorre un governo onesto e una economia funzionante, che poggiano sulle gambe di uomini normali, o meglio, di uomini eroici nella loro normalità, in grado, come ci ricorda la traiettoria terrena del Beato Rosario Livatino, di prendere decisioni chiare e forti non solo operando negli ambiti istituzionali, ma ogni qualvolta sono chiamati a operare una scelta”.

A fare gli onori di casa sarà il Vice Presidente Vicario Roberto Santangelo.
“Ospitare nella Sala Ipogea del Consiglio regionale e concedere il Patrocinio ad un evento di tale caratura, rende omaggio all’impegno e all’attenzione istituzionale che la buona politica riserva ai cittadini, ai giovani, a chi si prodiga quotidianamente nel riaffermare la supremazia della legalità e della giustizia quale valore inestimabile di una società civile e democratica.
È importante ribadire che sconfiggere le mafie è possibile con l’impegno di tutti; occorre mettere in rete un progetto complessivo che veda coinvolte le famiglie, la scuola, gli enti locali e le istituzioni; non è pensabile operare soltanto a livello repressivo delegando alle forze dell’ordine e alla magistratura la lotta ad una criminalità organizzata che riguarda tutta la società, minando le basi della democrazia, del mercato e della civile convivenza.
Ritengo sia fondamentale stimolare nelle giovani generazioni una educazione e crescita culturale che formi donne e uomini liberi, forgiati nei principi di democrazia e di legalità; verrà da sé il rigetto ai ‘disvalori’ delle mafie e dell’illegalità.
Ringrazio per la presenza la Dott.ssa Fabrizia Francabandera e il Dott. Aldo Manfredi componenti autorevoli della Corte d’Appello dell’Aquila, il preside della facoltà di Teramo dott. Christian Corsi, il presidente della Lanterna Magica Corrado Camilli, la Dirigente scolastica Agata Nonnati e la responsabile della casa-famiglia Antonella Di Gregorio; colgo l’occasione per invitare la stampa e la cittadinanza; ritengo che iniziative di tali alti contenuti, vadano attenzionate e partecipate”.