Quantcast

Furti in Valle Subequana, auto intercettata ad Ocre e ladri costretti alla fuga a piedi

Salgono a 34 i furti in Valle Subequana, ma la presenza delle forze dell'ordine sul territorio si fa sentire: auto con i ladri a bordo intercettata ad Ocre, malviventi contretti alla fuga a piedi.

Salgono a 34 i furti in Valle Subequana, ma la presenza delle forze dell’ordine sul territorio si fa sentire: auto con i ladri a bordo intercettata ad Ocre, malviventi contretti alla fuga a piedi.

Proseguono i furti in Valle Subequana. L’ultimo in ordine di tempo è stato registrato nel Comune di Barisciano; l’ente ha messo in guardia la cittadinanza, invitandola a tenere comportamenti prudenti e l’attenzione alta. Intanto salgono complessivamente a 34 i furti o tentativi di furti eseguiti nei comuni della Valle Subequana. Ai già numerosi episodi, si aggiungono infatti altri due furti non denunciati immediatamente, in quanto i proprietari solo nelle ultime ore sono rientrati nelle abitazioni di proprietà.

Dopo il Tavolo tecnico in Prefettura, però, la presenza di forze dell’ordine sul territorio si è fatta più massiccia e pressante per i ladri che comunque non desistono. Nella serata di ieri, infatti, la polizia ha intercettato a Ocre un’auto sospetta con tre persone a bordo. Dopo un inseguimento, i tre sono stati costretti ad abbandonare l’auto e darsi alla fuga a piedi, nelle campagne.

“A seguito del tavolo tecnico – conferma il sindaco di Fagnano Alto, Francesco D’Amore – la risposta è stata immediata. Il territorio è controllato da più pattuglie di polizia e carabinieri, e anche i carabinieri forestali stanno dando una mano, ma non possiamo abbassare la guardia. Evidentemente però c’è bisogno di un ulteriore sforzo. Ho richiesto allo stesso tavolo l’invio di operatori del Reparto Prevenzione Crimine della Polizia che possono dare un contributo determinante. Quattro anni fa sono stati inviati, con base a Fontecchio, ma nell’occasione i ladri entravano nelle case terremotate, a rubare quello che rimaneva. Oggi invece entrano nelle case abitate alla ricerca di oro e contante. Credo che un aiuto dall’RPC possa fare la differenza anche oggi”.

Intanto le descrizioni dei ladri che si avvicendano di volta in volta nei comuni sono state segnalate alle autorità competenti; la speranza è che “l’assedio” stia per finire.