Quantcast

L’Aquila, terzo settore: pubblicato l’avviso per azioni di contrasto alla povertà

Il Comune dell'Aquila raccoglie la disponibilità degli enti del terzo settore a costituire una rete territoriale, per sostenere attività progettuali di contrasto alla povertà e di inclusione sociale

Terzo settore, pubblicato un avviso per azioni di contrasto alla povertà e di inclusione sociale

È stato pubblicato oggi un avviso con il quale il Comune dell’Aquila intende raccogliere la disponibilità degli enti del terzo settore, operanti nel territorio comunale e che abbiano svolto attività nell’ambito del contrasto alla povertà e dell’inclusione sociale almeno nell’ultimo triennio, a costituire una rete territoriale. Scopo di tale iniziativa è sostenere attività progettuali, interventi ed azioni di contrasto alla povertà e di inclusione sociale, in favore di nuclei familiari in condizione di fragilità o a forte rischio di esclusione sociale, che si trovano in situazione di svantaggio in ragione di condizioni economiche, sociali e/o familiari complesse.

A darne comunicazione è l’assessore alle Politiche sociali ed educative del Comune, Francesco Cristiano Bignotti:Vogliamo implementare le possibilità di contrasto nei confronti del fenomeno della povertà economica delle famiglie – spiega Bignotti – che certamente con il prosieguo della pandemia, creerà nuovi tipi di povertà, andando magari a colpire anche chi fino ad oggi non ha avuto ancora difficoltà, oltre a peggiorare le condizioni di chi è già stato colpito duramente dalla situazione. La costruzione di questa rete solidale – osserva ancora Bignotti – in cui il Comune dell’Aquila avrà il ruolo di aggregatore e di coordinamento, permetterà di realizzare nuove attività, progetti ed interventi diffusi sul territorio, che possano raggiungere un maggior numero di utenti in difficoltà, affinando le scelte che potranno calibrarsi sempre meglio in base alla richiesta proveniente proprio dal territorio, con un’analisi del bisogno più accurata, andando anche ad intervenire laddove risulta generalmente difficoltoso, per mancanza di informazioni o comunicazione. Si potranno così intercettare ed assorbire un numero maggiore di condizioni di emarginazione sociale dei nuclei familiari a forte rischio di esclusione sociale, implementando azioni qualificate e qualificanti per i soggetti interessati, orientate non solo all’assistenza, ma soprattutto all’integrazione ed al loro reinserimento sociale e lavorativo, attraverso interventi articolati di sviluppo locale e territoriale”.

L’assessore Bignotti conclude precisando che “a supporto si sta anche lavorando alla realizzazione di un sistema informatico che prevede anche la creazione di una apposita app, nella quale potrà esserci una più snella intersezione della domanda con l’offerta ed una diretta ed immediata interazione tra utenti, associazioni e Comune.”

Il testo completo dell’avviso è pubblicato in questa pagina del sito internet del Comune.