Quantcast

Collegamento L’Aquila-Roma, botta e risposta tra Pezzopane e Biondi

Collegamento ferroviario L'Aquila - Roma, Pezzopane: "Marsilio presenta emendamento su qualcosa che già c'è". Biondi: "L'Aquila era tagliata fuori".

Collegamento ferroviario L’Aquila – Roma, Pezzopane: “Marsilio presenta emendamento su qualcosa che già c’è”. Biondi: “L’Aquila era tagliata fuori”.

“Il piano infrastrutturale del presidente Marsilio non prevede nemmeno un euro per i collegamenti ferroviari che riguardano l’Aquila. Così non può andare. L’uscita dall’isolamento ferroviario del capoluogo regionale è uno degli obiettivi principali da perseguire”. Così Stefania Pezzopane, deputata Pd, commenta il piano presentato alla stampa dal presidente della Regione Abruzzo. “Persino a destra si è sentita qualche voce critica – incalza Pezzopane- mentre è rimasto colpevolmente in silenzio il sindaco Pierluigi Biondi, sempre succube delle decisioni di Marsilio, sulla sanità come su trasporti ed infrastrutture.” Per Pezzopane, “Regione e Comune provano a mettere una pezza al goffo “giochino di prestigio” attraverso un emendamento. In pratica, -attacca Pezzopane- Marsilio non ha messo un centesimo nel piano infrastrutturale regionale, pur essendo la Regione a dover programmare gli interventi, e ha invece chiesto 40 milioni al Governo per uno studio di fattibilità. Pensano che abbiamo l’anello al naso? Marsilio e Biondi fanno solo propaganda elettorale per FdI, un approccio partitocratico tutto interno a quel partito senza una visione globale, da amministratori di un territorio.” “L’emendamento – conclude Pezzopane- è stato predisposto da Marsilio insieme al presidente Fdi della Regione Marche Francesco Acquaroli, con i sindaci dell’Aquila, Rieti e Ascoli, ovvero Biondi, Cicchetti e Fioravanti, anche essi di Fdi. Chiaro l’intento elettoralistico del partito della Meloni. Si parla di collegamenti con Roma e Rieti e non si coinvolge la Regione Lazio con il Presidente Zingaretti? Ma la cosa più assurda è che questo emendamento è copiato da un altro emendamento a firma Melilli (Pd) già presentato e approvato in fase di conversione del ‘Decreto Sostegni bis’, nel mese di luglio”.

Collegamento L’Aquila – Roma, Biondi: “Il testo del PD tagliava fuori L’Aquila”.

“Se non si fosse limitata semplicemente a leggere l’emendamento per la velocizzazione del collegamento ferroviario Roma-Rieti-L’Aquila ma avesse avuto la pazienza di approfondirne il contenuto l’onorevole Pezzopane avrebbe evitato una nuova, ennesima, figuraccia”. È quanto dichiara il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi, in replica alle dichiarazioni della parlamentare che in una conferenza stampa ha bollato come “elettoralistica” la proposta emendativa alla Legge di Bilancio contenente la richiesta di uno stanziamento di 40 milioni di euro per la realizzazione di uno studio di fattibilità e la progettazione della velocizzazione del tracciato ferroviario che collega la capitale con le città di Rieti e il capoluogo d’Abruzzo lungo il percorso che conduce sino ad Ascoli Piceno.

“L’emendamento, annunciato da due presidenti di Regione e tre sindaci, non sostituisce ma integra quello approvato a luglio in sede di conversione del decreto legge 73 del 2021. Una norma – sottolinea Biondi – targata Pd e che, guarda caso, taglia fuori L’Aquila da qualsiasi ragionamento per il miglioramento delle connessioni su ferro del capoluogo d’Abruzzo con Roma e le altre aree del centro Italia in quanto riferita esclusivamente alle zone colpite dal terremoto del 2016.  Il provvedimento, pertanto, è complementare a quello esistente e rappresenta una opportunità importante per questa città. Spiace constatare come l’onorevole dem non abbia colto il senso di una iniziativa dal carattere inclusivo che, se concretizzata, comporterebbe un impegno immediato per ottenere traguardi tangibili così come accaduto per la scuola nazionale dei Vigili del fuoco e quella di formazione della Pubblica amministrazione piuttosto che per il centro per il servizio civile universale, la stabilizzazione dei precari del sisma o il rifinanziamento dei processi di ricostruzione”.

“Vittorie giunte a seguito di battaglie condotte dall’intero territorio, a cui è arrivato il momento che Stefania Pezzopane si aggiunga e per le quali inizi a lavorare a sostegno con l’obiettivo di ottenere risultati tangibili anziché disorientare i cittadini sul suo effettivo impegno da parlamentare, ridotto ormai ad un millantare meriti che in realtà sono frutto dell’impegno politico di questa amministrazione, spesso condotto in sinergia – fortunatamente – con rappresentanti di istituzioni che realmente tengono a cuore il futuro di questa terra”.

La controreplica di Stefania Pezzopane

“Si sente forte e chiaro lo scricchiolio delle unghie del Sindaco Biondi che si arrampica sugli specchi, nel provare a replicare alle questioni affrontate nella mia conferenza stampa sull’emendamento annunciato da FdI. Preoccupato solo di difendere Marsilio e non la città, il Sindaco, usa verso di me una verve che dovrebbe invece usare verso il suo presidente di Regione che, in un piano di infrastrutture miliardario, non ha messo un € per L’Aquila ed il suo sistema logistico. Perché Marsilio non emenda il suo piano e recupera i fondi per le tante esigenze della città? Tra l’altro il Presidente della regione chiede 40 milioni di euro per il progetto di fattibilità su ferrovia di collegamento dei capoluoghi di provincia dell’Appennino centrale con Roma, fondi che ci sono già e che comprendono i capoluoghi di provincia coinvolti nel terremoto 2016, quindi anche L’Aquila, la cui provincia è stata colpita con numerosi comuni coinvolti”.

“La realtà è che l’unico fine dell’emendamento è quello di farselo bocciare per proseguire questa continua, elettoralistica e noiosa lamentela contro il governo. La parola ‘complementare’ che usa Biondi, non era stata contemplata nella precedente comunicazione di FdI, che avanza la proposta nel comunicato stampa a più firme come una grande novità: una ‘genialata’ spacciata come una grande trovata. Mentre è chiaramente un’altra pezza a colori per cercare di giustificare l’ingiustificabile, se così fosse avrebbe dovuto fare un addendum specifico (peraltro non necessario), mentre scopiazza l’emendamento già approvato persino con la stessa cifra di 40 milioni di euro. Il sindaco Biondi dovrebbe chiedere una volta per tutte al Presidente Marsilio di rispettare la nostra città, da lui maltrattata in maniera insopportabile. Biondi sia capace di far produrre atti amministrativi per la città, non comunicati stampa di richieste al governo di emendamenti targati FdI”. Così Stefania Pezzopane, deputata Pd, controreplica al Sindaco Biondi su ferrovia e fondi per piano di fattibilità.