Quantcast

Il Sottosegretario Nicola Molteni a Fagnano Alto, per il maxi Sistema di video sorveglianza

Il sottosegretario Nicola Molteni a Fagnano Alto, per l'Area Omogenea 8 e Prata D'Ansidonia a conoscere il Sistema integrato di video sorveglianza. Progetto promosso dai 12 Comuni.

Nicola Molteni, Sottosegretario agli Interni, in visita a Fagnano Alto, a conoscere il sistema integrato di Video sorveglianza intelligente per la sicurezza delle aree interne.

Nicola Molteni, da Pescara, per il taglio del nastro della Control Room, a Fagnano Alto, per il Sistema integrato di Video Sorveglianza che interesserà gli 11 comuni dell’Area Omogenea 8 e il Comune di Prata D’Ansidonia.

Visita in Valle subequana per il sottosegretario della Lega Molteni, a cui è stato fatto il punto sulla tematica sicurezza, con la presentazione del Sistema integrato di video sorveglianza: un progetto nato nel 2016 dalla volontà unanime dei sindaci del territorio e, finalmente, vicino al bando di gara.

Nicola Molteni Fagnano Alto

Non è mancato un tour del Sottosegretario alla scoperta delle terre del famoso tartufo nero di Fagnano, in particolare la visita nella suggestiva frazione di Castello di Fagnano Alto, dove gli ospiti hanno degustato le pietanze a base di tartufo, storica eccellenza del territorio.

Area Omogenea 8 e Prata D’Ansidonia, telecamere nei 12 Comuni: come nasce e come funziona il Sistema Integrato

Tutto nasce dal problema sicurezza emerso negli anni del post sisma, conseguenza diretta dell’isolamento di cui sono rimasti vittime i piccoli borghi. Nel corso del primo tavolo di Coordinamento convocato dal Prefetto per affrontare questa criticità, fu avanzata – dal sindaco di Fagnano Alto, Francesco D’Amore – la proposta di un sistema di video sorveglianza integrato. Progetto partito, in seguito, grazie ad un capitolo di finanziamenti dell’USRC, consistente in 1 milione 200mila euro, destinati alle Opere Pubbliche.

Le risorse furono divise per i 56 Comuni del Cratere, garantendo a ciascun Comune circa 40mila euro, che si rivelarono, tuttavia, insufficienti per quei borghi il cui territorio è suddiviso in più frazioni. Alla luce di ciò i Comuni dell’Area Omogenea 8 decisero di proseguire, comunque, nella direzione di un Sistema integrato di Video Sorveglianza che coinvolgesse i territori di: Ocre, Tione degli Abruzzi, Sant’Eusanio Forconese, Poggio Picenze, Acciano, San Demetrio ne’ Vestini, Villa Sant’Angelo, Fagnano Alto, Fontecchio, Barisciano, Fossa e Prata D’Ansidonia.

Negli anni successivi, in considerazione della rielaborazione del progetto di video sorveglianza, i 12 Comuni hanno ottenuto altri 250mila euro dall’USRC. In totale, il progetto ammonta ad un investimento complessivo di 730mila euro.

Il sistema di video sorveglianza integrata “ci permette di ‘blindare’ tutti gli ingressi del nostro territorio. Nel momento in cui il sistema sarà realizzato ed ultimato, le telecamere copriranno l’intera area compresa da Acciano a Barisciano. Si tratta di telecamere di ultima generazione, con visore notturno, lettura targa e collegate con le Banche dati per lanciare l’allert qualora attraversi il paese un mezzo che risulti rubato. Finalmente si potrà lavorare sulla prevenzione. È proprio questa l’innovazione insita nel progetto”, ci spiega il primo cittadino di Fagnano Alto, Francesco D’Amore.

Mercoledì prossimo, 17 novembre, a Fagnano sarà ultimato il Bando di Gara che sarà consegnato al Comune capofila del progetto, Ocre. Seguiranno i passaggi burocratici previsti da prassi e si spera, entro due mesi, di espletare la gara.

“Solo qualche settimana fa un’altra ondata di furti è stata registrata nel nostro territorio. – conclude il sindaco Francesco D’Amore – Oggi, come abbiamo spiegato al Sottosegretario Molteni, che ha raccolto le nostre osservazioni sul problema sicurezza, possiamo parlare di un progetto che  vedrà la luce, dopo lungaggini, difficoltà impreviste e aggiustamenti in corso d’opera. È il frutto di un lavoro collegiale e di un territorio unito per contrastare i problemi che minano la serenità di un territorio intero”.