Quantcast
Attualita'

Green pass, così il prof Univaq Simone Gozzano smonta i luoghi comuni

Il professore dell'Univaq Simone Gozzano smonta i luoghi comuni e la analogie contro il Green pass, dall'accostamento al fascismo alla sperimentazione.

L’AQUILA – Su La7 il professore dell’Univaq Simone Gozzano smonta i luoghi comuni e la analogie contro il Green pass.

Il Green pass obbligatorio come la tessera del Partito fascista, cittadini usati come “cavie” e altri argomenti per dire no alla certificazione verde. A Omnibus, su La7, è il professore dell’Università degli studi dell’Aquila, Simone Gozzano, a smontare i principali luoghi comuni e le analogie strampalate che vengono utilizzate per contrastare l’obbligatorietà del Green pass, ormai diventata più una forma di contrasto al Governo che effettive perplessità relative allo strumento specifico.

Del perché non si può accostare la certificazione verde sul posto di lavoro alle limitazioni della libertà di stampo fascista e del perché è scorretto parlare di “cavie” per vaccini “sperimentali parla appunto il professore dell’Aquila. Pochi minuti di pacata esposizione, per smontare la valanga di rabbia che occupa stabilmente il web.

green pass
leggi anche
test molecolare rapido
Covid19 e misure
Obbligo Green Pass, in Abruzzo 70mila test rapidi in 7 giorni
polizia postale
Cronaca
No vax, 17 perquisizioni per istigazione a delinquere: evocano fucilazioni e impiccagioni
corsa bus ama
Servizi
Nuova corsa Ama alle 21:15, basta disagi per gli studenti dell’Università
super green pass
Verso una nuova stretta
Super green pass, restrizioni solo per i non vaccinati: cosa prevede
univaq rettorato
La polemica
Univaq, tensione sulla dad: si continua in presenza
ricerca univaq salva binbo di 6 mesi neuroblastoma
Ricerca
Univaq, bimbo di 6 mesi con neuroblastoma metastatico salvato grazie a una scoperta dei ricercatori