Quantcast

Provincia dell’Aquila, controllo caldaie: 200 aziende pronte ad attivarsi

L'AQUILA - Manutenzione caldaie e controlli, le novità dalla Provincia. Accordo con Confartigianato.

L’AQUILA – Manutenzione caldaie e controlli, le novità dalla Provincia. Accordo con Confartigianato.

Conferenza stampa questa mattina in Provincia dell’Aquila, dove sono state illustrate le novità relative alla manutenzione caldaie, bollini e relativi controlli.

provincia dell'aquila angelo caruso francesco de santis berardino morelli

Circa 200 le aziende pronte ad attivarsi per la manutenzione caldaie e la relativa certificazione. Un’attività importante per due ordini di motivi, come sottolineato in apertura dal consigliere provinciale Francesco De Santis: “Per rispondere alle esigenze legate all’ambiente e alla sicurezza e per dare una risposta a una categoria di professionisti duramente colpita dalla crisi”.

provincia dell'aquila angelo caruso francesco de santis berardino morelli

Il presidente di Confartigianato L’Aquila, Angelo Taffo, ha poi ringraziato Comune e Provincia “per aver fatto proprie le nostre esigenze”.

“I controlli – ha aggiunto il presidente Angelo Caruso – non si devono fare per paura delle sanzioni, ma come obbligo morale e collettivo in un periodo di transizione energetica in cui è importante avere un atteggiamento di responsabilità. Non si tratta di formalità, ma di attività fondamentali per la sicurezza di tutti”. Il presidente Caruso ha inoltre annunciato l’accordo con la Regione Abruzzo per la certificazione APE, relativa alle certificazioni energetiche delle abitazioni e ricordato la possibilità di utilizzare incentivi per cambiare la caldaia: “Bisogna approfittarne, perché difficilmente tornerà momento più propizio”.

Presente anche il consigliere Bernardino Morelli che, come delegato del settore Ambiente, ha annunciato una importante convenzione con l’Asm per lo sfalcio dell’erba. “Con il depotenziamento delle province – ha sottolienato Morelli – abbiamo poche risorse e poco personale e volevamo attivare la convenzione già da giugno. Ciò non toglie che appena possibile renderemo attiva la convenzione per risolvere un problema molto sentito dai cittadini”.