Quantcast

Orso a Civita d’Antino, incontro con il Direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo: come comportarsi

L'orso è ormai una presenza costante a Civita d'Antino: l'amministrazione promuove un incontro per rassicurare e informare la cittadinanza, alla presenza del Direttore del Parco Nazionale, Luciano Sammarone.

L’orso bruno marsicano ormai è di casa a Civita d’Antino. Agli avvistamenti sporadici partiti dal settembre scorso, si sono sostituite visite serali dell’animale, che ormai è una presenza fissa, anche in alcuni cortili delle abitazioni.

Sorpresa, incredulità e, inevitabilmente, anche qualche timore tra gli abitanti del borgo rovetano. Per questo l’amministrazione comunale ha ritenuto opportuno attivarsi immediatamente per la gestione della problematica, relativa alla presenza di animali selvatici all’interno dei centri abitati.

Orso in giardino, scorpacciata di fichi

In considerazione del fatto che l’orso sia ormai una presenza costante in molti centri montani d’Abruzzo e, in particolare, a Civita d’Antino, giovedì 14 ottobre, alle ore 17, arriverà in Paese il direttore del Parco Nazionale d’Abruzzo Lazio e Molise, Luciano Sammarone, per un incontro in Comune con i cittadini finalizzato a comunicare, rassicurare ed informare sui i comportamenti da mettere in atto, al fine di agevolare l’orso ad accedere il meno possibile ai centri abitati.

Precisa il Comune in una nota: “L’obiettivo è raggiungere, con l’aiuto costante delle guardie del Parco e delle istituzioni, una tranquilla coesistenza, a tutela della sicurezza delle persone, delle cose e dell’animale stesso. L’orso marsicano non è un animale aggressivo. La popolazione abruzzese è particolarmente sensibile al tema e, da sempre, è nota per il grande rispetto e la tutela i condizionata nei confronti di lupi e orsi. Nel caso specifico dell’orso bruno marsicano si tratta di una specie protetta da rigidissime leggi nazionali ed internazionali, essendo in via d’estinzione. La specie è stata recuperata negli anni solo grazie ad un duro lavoro del Parco Nazionale, con il supporto e la collaborazione della Regione, della Prefettura e degli stessi Comuni”.

L’evento sarà trasmesso in streaming per arrivare a quante più persone possibili e per dare l’opportunità, anche a coloro che hanno impegni lavorativi o personali, di rivederlo con calma, dal proprio smartphone o pc.