Quantcast

Ricostruzione scuole Cratere 2016, piano da 195 milioni: c’è anche Montereale

195 milioni di euro per la ricostruzione delle scuole del Cratere 2016. C'è anche la scuola dell'infanzia Don Milani di Montereale. L'elenco dei progetti inseriti nel Piano

Poco più di 195 milioni di euro: sono i fondi sisma destinati dalla Struttura Commissariale, per l’adeguamento e miglioramento sismico.  Presentato il Piano. C’è anche la scuola dell’infanzia Don Milani di Montereale.

110 milioni di euro saranno destinati alla ricostruzione delle scuole della provincia di Teramo. Tra i lavori finanziati c’è anche la scuola dell’Infanzia Don Milani di Montereale che, finalmente, sarà ricostruita dopo i danni provocati dal sisma.

Il Piano è stato presentato questo pomeriggio nella sala polifunzionale della Provincia di Teramo, dal presidente della Regione Marco Marsilio, dal direttore dell’USR, Vincenzo Rivera e dal dirigente Piergiorgio Tittarelli alla presenza di tutti i componenti della Comitato interistituzionale sisma 2016.

Di seguito l’elenco completo dei progetti di ricostruzione finanziati dagli oltre 195 milioni.

Elenco scuole finanziate

“Dobbiamo affrontare con i sindaci il tema del nuovo programma delle opere pubbliche, in particolare delle scuole. Bisogna mettere a punto un programma che, sulla base delle risorse oggi disponibili, ci consenta di dare una risposta completa sul piano dell’edilizia scolastica: per scuole messe a norma e nella completa sicurezza antisismica. Spero che i lavori possano partire subito, per dare a gran parte dell’Abruzzo scuole efficienti e sicure per tutti”, ha dichiarato Marsilio a margine del tavolo istituzionale per la ricostruzione delle scuole.

Ricostruzione scuole Cratere 2016: la nota della provincia di Teramo

Oltre 110 milioni per le scuole superiori della provincia di Teramo, si tratta dell’ultimo stralcio dei finanziamenti destinati all’adeguamento/miglioramento sismico delle scuole così come licenziato dalla Cabina di Regia della Struttura Commissariale sisma 2016, diretta quest’ultima da Giovanni Legnini. Per la Provincia si tratta di 12 interventi che consentiranno una significativa revisione dello stato degli Istituti ma nel pacchetto ci sono anche i Comuni con le scuole primarie e gli istituti comprensivi.

“Vediamo concretizzarsi gli sforzi e gli impegni delle comunità che in questi anni post sisma sono stati alle prese con problematiche enormi – commenta il presidente Diego Di Bonaventura – una risposta vera agli studenti e alle loro famiglie che chiedono spazi adeguati e in sicurezza, ai dirigenti scolastici e ai docenti che fra terremoto e pandemia hanno dovuto reinventarsi la didattica. Per noi enti locali una sfida grande: bisogna organizzarsi con personale e processi, alle risorse economiche dovremo aggiungere quelle professionali. Perché questi finanziamenti siano spesi bene, in tempi accettabili”.