Quantcast

Transumanza, San Demetrio accoglie il cammino

La transumanza del terzo millennio è molto più che una rievocazione. Le tappe e l'accoglienza del fiume bianco che tanto emoziona chi ama questo mondo.

“Rievocazione della Transumanza sul Tratturo Magno”, al via la quindicesima edizione dell’evento culturale nella cornice del Lago Sinizzo a San Demetrio Ne’ Vestini.

TRANSUMANZA E RADICI – Duecentocinquanta chilometri, dieci tappe, più di trecentomila nuovi passi che ricalcano quelli antichi sul cammino che conduce le greggi dall’Aquila fino a Foggia lungo il Tratturo Magno.
Il programma della transumanza prevede la partenza dal piazzale della basilica di Santa Maria di Collemaggio mercoledì 29 settembre alle ore 9.
Da quel momento fino all’8 ottobre si svolgerà il cammino dei transumanti che percorreranno tra i venti e i trenta, ma anche quaranta chilometri al giorno fino a raggiungere la piazza dell’Epitaffio nel cuore di Foggia.
Coinvolti decine di comuni che accoglieranno il gruppo dei pastori, greggi, camminanti e appassionati diretti verso il tacco dello stivale.
San Demetrio Ne’ Vestini grazie al lavoro svolto dalla Fondazione Senatore Cappelli, ha organizzato, nel giorno della tappa numero uno, una giornata dedicata all’accoglienza dei camminanti e alla riscoperta delle radici del posto.

“Siamo figli della terra” – così il primo cittadino del comune di San Demetrio, Antonio Di Bartolomeo. “L’amministrazione ha sostenuto con entusiasmo questa iniziativa che rievoca la pastorizia che è stata il fulcro dell’economia di questo territorio per secoli”.

transumanza collemaggio

Dal piazzale della Basilica il gregge, il fiume bianco che emoziona così tanto chi ama questo mondo, proseguirà per il vivaio Mammarella a Sant’Elia, toccherà Bazzano, Onna, San Gregorio costeggiando il percorso ferroviario, poi sarà la volta della via per San Demetrio. Superato il bosco di Poggio Picenze il sentiero risale e si ricollega con le sorgenti di Sinizzo e Acquatina fino alla discesa verso il lago vestino.

transumanza 2019

Qui, presso il Sinizzo, a partire dalle ore 16 ci sarà la tradizionale abbeverata delle greggi.

“In questo scenario con la giusta atmosfera ci sarà tempo per riflettere sulla bellezza del territorio e sul silenzio dei tempi lenti del cammino degli antichi pastori” – spiega Gina Andreassi della Fondazione Cappelli. “L’obiettivo è stimolare il territorio attraverso le associazioni, gli enti pubblici per favorire i beni del mondo rurale che sono la parte più importante delle aree interne. Ci sarà Lucio Marinangeli del panificio Peppinella dell’Aquila che offrirà pane fatto con grano senatore Cappelli e grani antichi, ci saranno racconti e musica e balli popolari con il gruppo Vitivinicola Italo Abruzzese e la cena del pastore a cura di Raffaello Visconti”.

Non mancheranno altre iniziative ad arricchire la manifestazione che non si è mai fermata, nemmeno in questo periodo di restrizioni dettate dalla pandemia, ma si arricchisce sempre di più.
Un autobus transumante che sta attraversando i comuni nelle aree rurali e i borghi abruzzesi e un dono per una famiglia del posto.

“Il tutto avverrà con lo scopo di valorizzare le nostre radici. Invitiamo tutti a partecipare tra canti, recitazioni e degustazioni per rievocare la nostra transumanza divenuta patrimonio immateriale dell’Unesco”. – conclude Andreassi.

La transumanza 2021 – Le dieci tappe

  • Da Collemaggio  a Peltuinum
  • 2. Da Peltuinum a Capestrano
  • 3. Da Capestrano a Rosciano
  • 4. Da Rosciano a Contrada San Vincenzo, Vacri
  • 5. Da Contrada San Vincenzo a Lanciano
  • 6. Da Lanciano a Vasto
  • 7. Da Vasto a Montenero Petacciato
  • 8. Sa Montenero Petacciato a San Martino in Pensilis
  • 9. Da San Martino in Pensilis a San Paolo di Civitate
  • 10. Da San Paolo di Civitate a Foggia