Quantcast

Michele Fina per un PD forte e coeso: “I cittadini ci chiedono unità”

L'AQUILA - L'intervista al segretario regionale del PD, Michele Fina: "L'unità paga: per andare lontano bisogna andare insieme"

L’AQUILA – L’intervista al segretario regionale del PD, Michele Fina: “L’unità paga: per andare lontano bisogna andare insieme”

“Siamo in campagna elettorale in tanti comuni, 26 solo in provincia dell’Aquila, all’interno di una tornata amministrativa importante anche per Paese. Il risultato sarà indicativo anche per quello che dovremmo fare all’Aquila l’anno prossimo”. Così il segretario regionale del Partito Democratico al microfono del Capoluogo.it in occasione della presentazione del libro del presidente della Regione Emilia Romagna, Stefano Bonaccini.

michele fina

Stefano Bonaccini a L’Aquila: “Grandi opportunità da Europa, ora il destino è nelle nostre mani”

“Il Pd resta un partito coalizionale, cerchiamo il dialogo con tutti e pensiamo che nessuno sia un disvalore. L’unità paga ed è quello che i cittadini ci chiedono a livello nazionale, regionale e anche nei comuni. Noi faremo di tutto per mettere insieme, unire, coalizzare intorno a un’idea di città tutti coloro che vogliono fare un percorso insieme. Come recita un vecchio adagio, per andare lontano bisogna andare insieme”

Sull’alleanza con il M5S Fina ha poi sottolineato: “I rapporti in Abruzzo tra M5S e Pd sono molto buoni e ne sono contento; lavoriamo insieme su temi e progetti, costruiamo insieme anche una battaglia su istituzioni nazionali e regionali, e in alcuni comuni – come Sulmona – abbiamo fatto alleanze anche per le amministrative; in altri comuni no, perché sono prevalse comprensibilmente anche le singole storia, ma sono le eccezioni. La regola è un dialogo iniziato con il Conte 1 e con la sua leadership si sta rafforzando. Sono certo che riusciremo a costruire sempre più alleanze e coalizioni in alternativa ai sovranismi”.

Ad ogni modo, la parola d’ordine è “unità“, senza dare spazio a polemiche e divisioni che pure sono emerse, come nel caso dell’elezione del coordinatore dei sindaci del cratere, soprattutto con il consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci: “Sono contento che i sindaci abbiano scelto il coordinatore che siede alla cabina regia per occuparsi dell’allegato al Pnrr per le zone terremotate, con 1 miliardo 780 milioni a disposizione. Gianni Anastasio farà un buon lavoro, ma non è solo una vittoria del PD che comunque ha sempre le porte spalancate per coloro che vogliono tornare o avvicinarsi al partito. Continueremo così, per il resto sono in campagna elettorale a sostegno del PD e non faccio nessuna polemica. Non ne faccio in generale, figuriamoci in campagna elettorale”.