Quantcast

L’Aquila 1927 si presenta alla città

Grande presentazione per L'Aquila 1927: staff tecnico, squadra, maglie, inno, ma non solo. Un occhio anche al sociale. Il sindaco: “Progetto rivoluzionario e affascinante”.

Entusiasmo e passione, per dirla con le parole del tecnico rossoblù Federico Giampaolo, nella serata di presentazione de L’Aquila 1927.

La compagine del capoluogo abruzzese si svela alla città, dinanzi ad un’ampia cornice di pubblico, in un Emiciclo acceso dai cori e dai colori degli ultras aquilani.

Tanti i punti della serata: dalla premiazione dei ragazzi Special Olympics alla squadra femminile, dall’Academy L’Aquila alle associazioni che si occupano di inclusione, sul palco sono giunte anche le voci delle istituzioni, prima fra tutte quella del sindaco Pierluigi Biondi.

“Questo è un progetto rivoluzionario, e come tale affascinante. Lo sport recita un ruolo fondamentale, non solo in questa città, ma soprattutto qui. Nei momenti turbolenti, anche di confronto ruvido con la tifoseria, quando ci siamo insediati, abbiamo ereditato una situazione drammatica. Da allora ci siamo messi ventre a terra a lavorare e abbiamo portato avanti un po’ di cose.”

l'aquila 1927

Presentato il nuovo staff tecnico de L’Aquila: il tecnico rossoblù Federico Giampaolo guiderà la compagine nel campionato di Eccellenza, affiancato dal suo secondo Dario Di Giannatale; nello staff, il collaboratore tecnico Antonio Mottola, il preparatore atletico Ivan Puce e il preparatore dei portieri Antonello Petrocco.

Squadra al completo, con annesse nuove maglie, scelte dai tifosi attraverso una votazione: prima a strisce verticali rossoblù, nella parte superiore lo skyline della città de L’Aquila su fondo bianco; seconda bianca con croce rossoblù. Terza maglia, a sorpresa, come omaggio alla città: neroverde con l’aquila dello stemma civico a troneggiare al centro.

E si chiude sulle note del nuovo inno, ‘Aquile rossoblù’, prodotto dai Dabadub Sound System e dai 70200 Collective Studio. Una serata all’insegna dello sport, del sociale e di tutti coloro che amano L’Aquila. Perché, come recita lo striscione dinanzi al palco, “L’Aquila 1927 è la squadra della gente”.