Quantcast

Uccise un orso a colpi di fucile, ricorso rigettato: condannato a risarcire il Parco Nazionale

Uccise un orso a fucilate nel Parco Nazionale d'Abruzzo, la Cassazione rigetta il ricorso: confermata la condanna per l'uomo a risarcire l'Ente Parco. 

Uccise un orso a colpi di fucile nel Parco Nazionale d’Abruzzo, la Cassazione rigetta il ricorso: confermata la condanna per l’uomo a risarcire l’Ente Parco.

La Corte di Cassazione, nella giornata di oggi, ha rigettato il ricorso promosso contro la sentenza della Corte di Appello di L’Aquila dall’uomo, che nel luglio 2020 era stato condannato in sede civile per avere ucciso un orso con un fucile da caccia a Pettorano sul Gizio (AQ) in Abruzzo nel 2014.

Viene così confermata la sentenza di condanna a risarcire il Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, il WWF, la LAV, ProNatura e Salviamo l’Orso.

“Siamo molto soddisfatti per la decisione della Corte” dichiara Dante Caserta, Vice Presidente del WWF Italia, che aggiunge: “Al di là della vicenda specifica e della persona coinvolta, si tratta di una conferma importante che deve far capire a tutti che la tutela della fauna altamente protetta come l’Orso bruno marsicano non può essere messa a rischio da comportamenti irresponsabili o addirittura criminali”.

“La possibilità di convivenza tra la fauna selvatica, in primis i grandi predatori come l’orso e il lupo e le attività umane è un dato acclarato che si basa su decenni di esperienze attuate con successo sul campo, come accade nel Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise – conclude Caserta -. Ringraziamo il nostro legale, l’Avvocato Michele Pezone, che ha seguito il caso fin dal primo grado, quando il Tribunale aveva pronunciato una sentenza di assoluzione, e che ha ottenuto prima la condanna in Corte di Appello e ora la conferma, da parte della Suprema Cortedella bontà di quanto deciso dal giudice di secondo grado”.