Quantcast

Nasce ufficialmente la Soprintendenza L’Aquila e Teramo, Cristina Collettini alla guida

Da oggi, 1 settembre, l’architetto Cristina Collettini diviene ufficialmente il nuovo dirigente per la neo costituita Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio, per le province di L’Aquila e Teramo.

Nasce ufficialmente la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di L’Aquila e Teramo. L’architetto Cristina Collettini alla guida.

Da oggi – primo settembre – l’architetto Cristina Collettini diviene ufficialmente il nuovo dirigente per la neo costituita Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di L’Aquila e Teramo. L’architetto Collettini, già Funzionario e Responsabile Area tecnica del Parco archeologico del Colosseo, vanta la partecipazione a importanti cantieri di restauro, con ruoli di responsabilità e direzione dei lavori tra cui la basilica di Santa Francesca Romana e l’arco di Tito nel Foro romano, l’arco di Settimio Severo e gli spazi espositivi di Santa Maria Nova; manterrà parallelamente anche il ruolo di RUP del nuovo piano dell’arena del Colosseo.

Conosce inoltre la realtà complessa dei lavori legati alla ricostruzione, a seguito dei recenti terremoti del Centro Italia, avendo curato per il territorio della Regione Lazio, interessato dal sisma del 2016, la predisposizione dei depositi per il ricovero delle opere d’arte mobili e avendo coordinato le attività di messa in sicurezza del patrimonio artistico mobile e immobile della medesima area di intervento.

“Sarà di particolare e significativo stimolo per me lavorare per la Soprintendenza per le Province di L’Aquila e Teramo, un incarico che accolgo e mi accingo a portare avanti con impegno ed entusiasmo” commenta Collettini. “Si tratta di costruire insieme alle varie professionalità che compongono questo Ufficio una nuova organizzazione, che parta comunque dalle esperienze pregresse e dal grande lavoro svolto sinora. Sono certa che lavorando su progetti condivisi e in sinergia con tutte le realtà presenti sul territorio – che, con l’istituzione della nuova Soprintendenza, ha registrato un notevole ampliamento -, in un continuo scambio di idee, sarà possibile raggiungere importanti risultati.”