Quantcast
Dalla tragedia

Velino, mai più tragedie: siglato l’accordo per le scalate in sicurezza

A 7 mesi dalla tragedia del Velino, siglato in Comune un accordo per le scalate in sicurezza. Partirà un progetto di formazione nelle scuole del territorio, che sarà incluso anche nell'alternanza scuola lavoro. "Mai più tragedie, conosciamo la montagna e conosciamo noi stessi".

Un messaggio di speranza, per vivere la montagna in sicurezza. Dalla tragedia del Velino un progetto di formazione per le scuole: “Mai più tragedie. Viviamo la montagna, conosciamola e conosciamoci”.

La conferenza, tenutasi in Comune questa mattina, segue la celebrazione eucaristica di qualche giorno fa ai piedi del Velino, all’altezza del rifugio Casale da Monte: dove, alla presenza di istituzioni, familiari delle vittime del Velino e dei rappresentanti dei soccorritori, si è tenuta una Santa Messa, a margine della quale è stato annunciato un protocollo per vivere la montagna in sicurezza. Un protocollo siglato ufficialmente oggi, all’interno della sala consiliare di Palazzo città. Il progetto vedrà le scuole ricoprire un ruolo di primo piano.

accordo velino scuole scalate in sicurezza

“Il progetto ha un grande valore e si nutre di un profondo senso di appartenenza. Quanto accaduto lo scorso gennaio non potrà mai essere dimenticato e questo protocollo sperimentale vuole evitare che si ripetano tragedie”, ha spiegato il vice sindaco Domenico Di Berardino nel corso della conferenza stampa, che Il Capoluogo vi ha mostrato in diretta.

 

“Noi, come istituzione, abbiamo sentito il dovere di coinvolgere e chiamare in causa le nuove generazioni, i giovani, per imparare da questo dramma e trarne una forza d’animo per potere proseguire con sicurezza il percorso dell’esistenza. Volevamo dare una grande risposta di solidarietà, sostegno e speranza e speriamo che questo protocollo, frutto di un lavoro andato avanti per mesi, possa raggiungere l’obiettivo prefissato, nella sicurezza di tutti”.

Cultura della montagna, nomenclatura relativa alla montagna, primo soccorso e auto-soccorso, lettura delle carte, elementi di base di topografia, meteorologia, gestione delle emergenza, attrezzature. Questi alcuni dei principali elementi che saranno alla base dell’attività formativa predisposta e prevista nell’accordo siglato.

L’assessore Gallese ha illustrato i dettagli del progetto. “Questo accordo nasce in memoria dell’eredità morale lasciata dalla tragedia del Velino e nasce grazie ai familiari dei quattro escursionisti, perché il progetto è stato voluto soprattutto da loro e da loro, assieme alle associazioni di categoria ci è stato presentato. Di conseguenza, noi lo abbiamo girato alle scuole. Da qui parte il nostro percorso di riconoscenza alla grande passione che questi ragazzi hanno dimostrato, un amore sconfinato per la natura e per le nostre montagne. È giusto che i nostri ragazzi vivano le montagne del nostro territorio, che ci circondano e ci osservano ogni giorno: ma è anche nostro dovere permettere che le montagne possano essere vissute in sicurezza, per quanto ci è possibile fare”.

Quindi studio delle montagne, delle peculiarità ambientali, dei rischi. “Questo progetto non è fine a sé stesso. I dirigenti scolastici hanno accettato di inserire questa formazione anche nel PCTO del percorso di alternanza scuola lavoro: quindi questo corso farà parte del Curriculum formativo dei ragazzi”. Il protocollo firmato oggi, infatti, prevede un corso di 30 ore di formazione sulla sicurezza in montagna, che vedrà gli studenti svolgere prove sia teoriche che pratiche.

Il protocollo è preliminare, sarà implementato anche in base alle disposizioni delle singole scuole.

Roberta Palermini, vice presidente Ance L’Aquila, ha spiegato: “Si tratta di un progetto importantissimo, sia per il suo carico emotivo sia per la grandissima collaborazione tra associazioni ed enti per arrivare alla stesura del protocollo. Quando le associazioni di categoria si sono riunite e hanno pensato fosse giusto portare avanti un’attività di formazione sul vivere la montagna in sicurezza è arrivato il momento più difficile, quello più delicato, quello di condividere l’iniziativa con le famiglie, orfane dei loro angeli. Perché noi volevamo che il progetto portasse l’impronta dei ragazzi che sul Velino hanno perso la vita. Proprio dal confronto con i familiari è partito questo progetto, sono stati loro a darci la forza, il sostegno e un contributo fondamentale ai fini di quanto è stato raggiunto. Chi aderirà al progetto conoscerà veramente la montagna e conoscerà se stesso, le sue capacità e i suoi limiti”. 

leggi anche
messa vittime velino
Memoria
Velino, una messa in ricordo di Valeria, Gianmarco, Gian Mauro e Tonino: l’accordo per scalate in sicurezza
sonar Recco
Attualita'
Sonar Recco anche in Abruzzo, “Mai più una tragedia come sul Velino”
gli amici di frabby
Avezzano
Tragedia del Velino, nasce l’associazione Gli amici di Frabby
velino bonifica oggetti
Montagna
Tragedia Velino, terminata la bonifica: restituiti oggetti personali a familiari vittime
targa tragedia velino
Avezzano
Tragedia del Velino, svelata la targa: “Siate fieri dei vostri ragazzi, cercatori di bellezza”
soccorso alpino finanza velino incontro
Attualita'
Dispersi sul Velino, il Soccorso Alpino incontra la famiglia di Gianmarco Degni
Valeria Mella
Cronaca
Valeria Mella, dopo la tragedia sul Velino un centro sanitario in Madagascar in suo nome
di pangrazio laurencig
Attualita'
Dispersi sul Velino, Avezzano ringranzia gli Alpini
soccorso alpino
Cronaca
Malore sul Velino blocca padre e figlio: intervengono Soccorso Alpino e Vigili del Fuoco
angeli del velino prima lezione studenti
Formazione per la sicurezza
Angeli del Velino, cominciano le lezioni agli studenti sulla sicurezza in montagna
4 escursionisti dispersi velino
Cronaca marsica
Tragedia Velino, l’omaggio di Avezzano a un anno dalla scomparsa dei 4 escursionisti
lezioni pratiche scuola di montagna angeli del velino
Esercitazioni pratiche
Montagna, a scuola di sicurezza nel ricordo degli Angeli del Velino