Quantcast

Sulmona, vietato utilizzare acqua per usi non primari: arriva l’ordinanza

Da oggi, 13 agosto, al 30 settembre è severamente vietato utilizzare l'acqua per usi non primari.

Divieto di utilizzo dell’acqua per usi non primari a Sulmona, fino al 30 settembre. Sanzioni per i trasgressori.

Il sindaco Annamaria Casini, ha firmato l’ordinanza n. 55 per la salvaguardia della risorsa idrica sul territorio comunale, a seguito dell’ ingente aumento dei consumi di acqua in questo particolare periodo, come comunicato dalla Società S.A.C.A.

Si è reso dunque necessario adottare misure finalizzate a disciplinare l’utilizzo delle risorse idriche disponibili al fine di garantire a tutti i cittadini di poter soddisfare i bisogni primari per l’uso alimentare, domestico e igienico e per prevenire situazioni di crisi idrica nella stagione estiva in corso.

Con decorrenza 13 agosto 2021 – data di pubblicazione dell’ordinanza sindacale – e fino al 30 settembre 2021, salvo proroghe, è severamente proibito utilizzare l’acqua per usi non primari, in particolare, irrigare orti e giardini, lavare strade, marciapiedi e cortili, autovetture, moto e caravan, e, in ogni caso, usare l’acqua potabile per usi diversi da quelli previsti dalla concessione (domestici, igienici, zootecnici). I trasgressori saranno puniti con la sanzione amministrativa, stabilita con la presente ordinanza, da € 25,00 a € 250,00, fatti salvi, nei casi più gravi o in caso di recidiva, la denuncia all’Autorità Giudiziaria, ai sensi dell’art. 650 del Codice Penale. Si invita quindi la cittadinanza ad un uso razionale e corretto dell’acqua per evitare inutili sprechi e si chiede la massima collaborazione.