Quantcast

“L’Aquila legge Dante”, nuovi interpreti per la settimana che conduce il Sommo poeta verso il Paradiso

"L'Aquila legge Dante", lettura dei canti dal 9 al 15 agosto.

Cambieranno totalmente gli scenari e i toni della Commedia, nella lettura dei canti della settimana dal 9 al 15 agosto del progetto del Comune dell’Aquila “L’aquila legge Dante”.

La celebrazione dei settecento anni dalla morte del Sommo Poeta attraverso la pubblicazione di cento video per cento giorni dal 7 giugno scorso al 14 settembre, si trova infatti alla conclusione del Purgatorio.

Ritroveremo Dante Alighieri insieme ad nuova figura, spesso cantata nelle opere del poeta fiorentino, la sua amata Beatrice. È lei che lo condurrà nell’ultima parte del suo viaggio ultraterreno, tra le cornici paradisiache.

A leggere gli ultimi quattro canti del Purgatorio, sempre accompagnati dalla profonda interpretazione di una breve prosa dell’artista Simone Cristicchi, saranno: il 9 agosto, Don Renzo D’Ascenzo con il XXX canto in cui Virgilio saluterà Dante; il 10 agosto Elvira Di Bona, filosofa e scrittrice, con una lettura sul canto XXXI in cui finalmente Beatrice si svelerà a Dante sorridendogli; l’11 agosto sarà la volta di Fabrizio Caporale, Responsabile servizio cultura e turismo del Comune dell’Aquila, che leggerà il XXXII canto, pieno di visioni allegoriche. Dante è con Beatrice e con Metelda e viene invitato ad osservare bene ciò che vede per poterlo riportare agli uomini sulla terra. Il Purgatorio si conclude con il XXXIII canto, letto dalla campionessa paralimpica Paola Protopapa: Dante berrà dalla sorgente dell’inesauribile Eunoè per purificarsi, pronto a salire verso il cielo.

Dal 13 agosto lo scenario muterà profondamente perché Dante è finalmente giunto in Paradiso.

Il primo canto vedrà la lettura di Nazareno Carusi, musicista e consigliere del Teatro alla Scala, con Beatrice che risponde ai dubbi di Dante parlando dell’ordine dell’Universo e del suo fine ultimo, Dio. Il secondo canto sarà letto da Giampiero Bellini, medico, mentre il terzo canto del Paradiso, che andrà in onda il 15 agosto e chiuderà la settimana, sarà letto dalla docente del Convitto Domenico Cotugno Roberta De Zuani. Dante e Beatrice procedono nel Cielo della Luna dove appaiono loro diverse figure, tra cui la madre di Federico II, leggendario fondatore della città dell’Aquila, Costanza d’Altavilla, inserita tra le anime beate.

Non solo le ambientazioni cambieranno, passando da luoghi impervi e di difficile ascesa come erano quelli del Purgatorio, ma anche la musica che accompagna le letture sarà nuova. Ampi spazi aperti e luoghi carichi di acqua, dal profondo significato sia per i canti del Paradiso che per la stessa città dell’Aquila, saranno le ambientazioni dell’ultima cantica della Commedia. Le note di un mottetto, canto sacro polifonico di Carlo Gesualdo dedicato alla Madonna, offrirà suggestioni celesti e sarà la cornice musicale dei canti fino al 14 settembre, notte in cui, nel 1321, Dante Alighieri scomparve lasciando al mondo intero la sua eredità artistica e letteraria.

Il progetto ha visto la collaborazione delle associazioni aquilane operanti nel settore teatrale, individuate grazie ad un avviso pubblico. Trattasi dell’Associazione Culturale Ricordo, Abruzzo Danza e Spettacolo, Brucaliffo, I Guastafeste, Animammersa, Teatrabile, Associazione C.S. L’Aquila Danza Teatro dei 99 che l’iniziativa ha potuto prendere il via.

Ai seguenti link è possibile accedere ai contenuti dei video di “L’Aquila legge Dante”:

https://www.facebook.com/laquila2022
https://www.instagram.com/laquila2022/
https://youtube.com/playlist?list=PLkurKd3PgyaOBqzabn-5JlyQs-cp7t88C