Quantcast

L’Aquila, frode sull’IVA da 10 milioni

L'Ufficio Dogane dell'Aquila ha scoperto una frode fiscale in materia di IVA da circa 10 milioni di euro.

L’Ufficio Dogane dell’Aquila ha scoperto una frode fiscale in materia di IVA da circa 10 milioni di euro.

Nell’ambito delle attività di contrasto alle frodi fiscali in materia di IVA  avviate in collaborazione con l’Ufficio Antifrode della superiore DT IV – Lazio e Abruzzo, i Funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) in servizio presso la Sezione Antifrode e controlli dell’Ufficio delle Dogane dell’Aquila, hanno concluso una verifica nei  confronti di una società della provincia di Roma che ha effettuato acquisti dall’Unione Europea  di prodotti nel settore del legno, con un recupero di imposta sul valore aggiunto per circa 10 milioni di euro (9.776.290).

L’attività di accertamento, espletata dai funzionari tramite un’intensa attività di intelligence con l’utilizzo delle banche dati in dotazione all’Agenzia e dello strumento delle Indagini Finanziarie, ha permesso di ricostruire il volume di affari della Società e di scoprire che la frode è stata articolata attraverso l’occultamento/distruzione delle scritture contabili da parte del legale rappresentante della Società che si è reso irreperibile, accertando anche che la sede dell’attività è inesistente e la stessa è priva di una organizzazione aziendale e logistica.

Il legale rappresentante della società “cartiera” sarà denunciato alla Procura della Repubblica competente per i reati di cui al D.Lgs. 74/2000 e art. 640 del Codice Penale.