Quantcast

Green pass, conto alla rovescia: la road map

Green pass obbligatorio, il debutto venerdì. Tutte le regole e dove serve la certificazione verde.

Conto alla rovescia per l’entrata in vigore del Green pass: da venerdì 6 agosto sarà obbligatorio esibirlo per spettacoli, cinema, centri termali, piscine, palestre e ristoranti al chiuso.

Ora l’obiettivo del governo è tracciare una sorta di road map che, a partire dal 6 agosto, fissi le date di entrata in vigore del green pass per i tre settori ancora in sospeso: trasporti a lunga percorrenza, lavoro e scuola.

Green Pass, tutte le occasioni in cui è obbligatorio utilizzarlo

Il premier Mario Draghi ha già incontrato i sindacati per affrontare il tema del green pass in fabbrica e nei luoghi di lavoro. Il confronto arriva a poche ore dalle dichiarazioni del leader della Cgil, Maurizio Landini, che ha detto che non c’è nessun “no” pregiudiziale sull’utilizzo obbligatorio, ma ha respinto l’ipotesi di sanzioni per chi decide di non vaccinarsi.

“Sul vaccino c’è un accordo sulla sicurezza sanitaria sottoscritto dalle parti sociali e inserito in un decreto e qualsiasi tentativo di modificarlo necessita di una legge”, ha sottolineato il segretario Uil Pierpaolo Bombardieri al termine dell’incontro con Draghi.

“Nulla in contrario sul principio all’estensione del Green Pass ma non può diventare strumento da usare per licenziare e discriminare lavoratori e lavoratrici”, ribadisce Landini.

Intanto, una delle novità introdotte dall’arrivo del green pass, già presente nell’ultimo decreto e ora prontamente specificato dal governo, riguarda le visite negli ospedali.

Chi è in possesso del certificato verde, infatti, avrà il permesso di andare a trovare amici e parenti ricoverati negli ospedali. Chi è senza Green pass invece, dovrà attenersi alle regole attuali, con la maggior parte delle strutture che vieta ancora l’ingresso ai non autorizzati.

Si sta lavorando anche a una norma che preveda l’obbligo di per i lavoratori di alcune attività “strategiche”. Nello specifico, si tratta di quelle dove, dal 6 agosto, il certificato verde sarà già previsto per regolamentare l’accesso dei clienti. Si parla quindi di bar, ristoranti e alberghi, ma si sta valutando l’estensione dell’obbligo di certificato verde per i lavoratori delle palestre e dei circoli sportivi.

Green pass e trasporti a lunga e breve distanza

L’altra novità imminente dovrebbe riguardare l’introduzione del Green pass per l’utilizzo dei trasporti a lunga distanza: treni interregionali, aerei e navi. Il certificato verrebbe controllato poco prima di salire a bordo.

Per quanto riguarda i trasporti locali, l’obbligo del green pass potrebbe essere introdotto dai primi di settembre, in concomitanza con la riapertura delle scuole anche se, molte regioni, tra cui l’Abruzzo, sono ancora al saboto per un piano di investimenti sui trasporti per favorire e migliorare le distanze su mezzi pubblici.

green pass

Green Pass, come si ottiene

La certificazione verde viene generata dalla Piattaforma nazionale – DGC ED ed è valida dal 15esimo giorno dal vaccino, per chi ha ricevuto soltanto la prima dose. Dopo la seconda dose, viene rilasciata, entro 24/48 ore, la certificazione definitiva, valida, appunto, 9 mesi.

La piattaforma nazionale, dopo aver generato il Green Pass, invia un codice authcode per scaricarlo sui propri indirizzi mail o tramite sms, forniti quando ci si è sottoposti alla vaccinazione o quando si è effettuato un tampone o, infine, quando si è ottenuto il certificato di guarigione dal virus.

Quindi, il codice, con i propri dati della Tessera Sanitaria, permette di ottenere la Certificazione  dal sito raggiungibile al seguente link, oppure sull’App Immuni. Se, invece, si è in possesso di Spid (la Carta d’Identità Elettronica) è possibile usare l’applicazione IO, o ancora si può accedere al fascicolo sanitario regionale.

Come recuperare l’AUTHCODE

È ora possibile per coloro che hanno i requisiti per la Certificazione verde COVID-19 e non hanno ricevuto o hanno smarrito l’SMS o l’email, recuperare l’AUTHCODE in autonomia. Basterà accedere alla nuova applicazione attiva sul sito www.dgc.gov.it, inserendo il codice fiscale, le ultime 8 cifre della tessera sanitaria e la data dell’evento che ha generato la certificazione verde (data dell’ultima vaccinazione o del prelievo del tampone o, per le certificazioni di guarigione, la data del primo tampone molecolare positivo). Una volta ottenuto l’AUTHCODE si potrà scaricare la Certificazione dallo stesso sito con Tessera Sanitaria o con a app IMMUNI.