Quantcast

Incendi in Abruzzo, oltre 3 milioni di euro per i comuni e le popolazioni colpite

L'AQUILA - Stanziati 3,4 milioni di euro per Protezione civile, comuni e popolazioni colpite dagli incendi dei giorni scorsi.

L’AQUILA – Stanziati 3,4 milioni di euro per Protezione civile, comuni e popolazioni colpite dagli incendi dei giorni scorsi.

Approvato all’unanimità l’emendamento per l’istituzione di un fondo, assegnato al Servizio di Protezione Civile regionale e trasferito all’Agenzia regionale di Protezione civile, pari a 405mila e 500 euro. Inoltre, la Giunta regionale, su proposta dei comuni coinvolti nei roghi, si impegna a utilizzare le risorse comunitarie e nazionali derivanti da economie, riprogrammazione e nuova programmazione, nella misura di 3 milioni di euro per interventi finalizzati al ripristino, recupero e valorizzazione delle aree interessate dagli incendi nonché per attività di potenziamento delle misure di prevenzione e salvaguardia delle aree medesime; la stessa Giunta si impegna ad assumere ogni utile iniziativa per il ripristino del potenziale produttivo agricolo danneggiato o distrutto in conseguenza degli incendi verificatisi nel mese di agosto 2021, destinando per tale finalità specifiche risorse previa quantificazione del danno subito e si impegna ad assumere altresì ogni utile iniziativa per le riserve regionali danneggiate dagli incendi, a tutela dei particolari e rilevanti valori ambientali e paesaggistici che dette riserve rappresentano per il territorio regionale. “Un intervento dovuto da parte della Governance regionale, – sottolinea Vincenzo D’Incecco, capogruppo della Lega – una prima risposta soprattutto nei riguardi dei Comuni che dovranno effettuare delle somme urgenze per il ripristino della viabilità. Per la portata del disastro ambientale verificatosi chiederemo interventi al Governo nazionale”.

Soddisfatta anche l’opposizione, con il centrosinistra che, con i consiglieri Silvio Paolucci, Dino Pepe, Antonio Blasioli, Pierpaolo Pietrucci, Americo Di Benedetto, Marianna Scoccia e Sandro Mariani, sottolinea: “Saremo rigorosi nel pretendere che vengano subito avviate le procedure per la richiesta dello stato di emergenza, insieme allo stanziamento di maggiori risorse per la prevenzione e per assicurare interventi, personale, ristori e il ripristino degli ecosistemi compromessi, che non saranno del tutto possibili con questi primi stanziamenti. La decisione di oggi è una prima risposta per l’emergenza e le prime bonifiche, ma serve una migliore campagna di prevenzione e pianificazione delle azioni da mettere in campo per evitare che accada di nuovo ciò che abbiamo visto sulle nostre coste, in tre province e quasi nello stesso momento”.

“Era doveroso – ha poi sottolineato il capogruppo del M5S, Sara Marcozzi – prendere immediatamente provvedimenti e, nel prioritario interesse dei cittadini abruzzesi, abbiamo lavorato nel pieno spirito di collaborazione per reperire i fondi e consentire ai comuni investiti dalle fiamme di poter avviare lavori di somma urgenza. Abbiamo tutti negli occhi le immagini drammatiche di questi ultimi giorni, con i focolai che hanno investito ampie aree del territorio regionale, e sarà un dovere del centrodestra assumere al più presto nuove iniziative per impegnare cifre destinate ai territori più colpiti”.

La stessa norma finanzia con 131.820 euro le operazioni di sanificazione urgente, a contrasto della diffusione del virus Sars-Cov-2, nei locali che ospitano gli uffici attività culturali e le biblioteche regionali per consentirne la riapertura. Ulteriore sostegno di 375.823 euro viene riconosciuto all’Azienda Territoriale per l’Edilizia Residenziale Pubblica Regionale (ATER) di Teramo, a copertura del mancato introito dei canoni di locazione dovuto all’inagibilità degli alloggi a seguito del sisma 2016. Infine, con il pdl 206/2021, vengono introdotte alcune modifiche alla normativa vigente in materia di attività venatoria e protezione della fauna selvatica. In apertura di seduta il Consiglio ha approvato a maggioranza due provvedimenti europei relativi alla partecipazione della Regione alla formazione e all’attuazione del diritto europeo. L’Assemblea ha, inoltre, preso atto con esito positivo della relazione del “Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale” per gli anni 2019 e 2020. Sono state trattate le interpellanze del consigliere Paolucci, “Classificazione dell’Ospedale ‘Gaetano Bernabei’ di Ortona e mancanza di Dirigenti medici della Medicina perioperatoria in week e day surgery” e del consigliere Blasioli, “Situazione RSA Città Sant’Angelo in Largo Baiocchi”. In chiusura del Consiglio è stata approvata la proroga della durata della “Commissione speciale per l’attuazione e le modifiche allo Statuto, per le modifiche alla legge elettorale e per lo studio del regionalismo differenziato” al 9 settembre 2023.