Quantcast

Olimpiadi di Tokyo, riflettori puntati su Gaia Sabbatini

Gaia Sabbatini pronta a regalare emozioni, il calendario delle gare dei 1500 femminili alle Olimpiadi di Tokio. Tutte le informazioni utili per seguire gli eventi.

Gaia Sabbatini pronta a regalare emozioni, il calendario delle gare dei 1500 femminili alle Olimpiadi di Tokio.

Abruzzo in febbrile attesa per le gare della teramana Gaia Sabbatini, convocata tra gli Azzurri di Atletica, per le gare dei 1500 metri femminili. L’atleta abruzzese può contare sul tifo di tutto l’Abruzzo, in particolare della sua Teramo, dove il Comune ha fatto affiggere cartelloni a suo supporto. Ma come rappresentante dell’Italia, non mancherà il sostegno da tutto lo Stivale. Con lei, l’altra italiana, Federica Del Buono.

Le gare di atletica sono già iniziate, ma quelle dei 1500 femminili scatteranno con le batterie di lunedì 2 agosto, con inizio fissato alle 9,35 (orario Tokio). In Italia saranno le 2,35. A seguire, la semifinale di mercoledì 4 agosto, con inizio alle 19 (ora di Tokyo), mentre in Italia saranno le 12. Infine la finale prevista per venerdì 6 agosto, con inizio alle 21,50 (ora di Tokyo), mentre in Italia saranno le 14,50.

La rete tv dedicata alle Olimpiadi è Rai2, mentre la diretta streaming è in esclusiva su Discovery+, piattaforma visibile a pagamento su smart tv, pc, tablet e smartphone, ma anche su Eurosport Player ed Eurosport.it per chi è già abbonato.

Tutti pronti, quindi, a tifare per l’abruzzese Gaia Sabbatini!

Chi è Gaia Sabbatini.

Gaia Sabbatini, delle Fiamme Azzurre, è nata a Teramo il 10 giugno 1999; il suo allenatore è Andrea Ceccarelli e a 22 anni ha già fatto segnare 2 presenze in nazionale.

Come ricorda la FIDAL sul sito ufficiale, “ha iniziato a fare sport con nuoto e danza. Ma ha sempre avuto la passione della corsa e così, quando la sorella Eva ha cominciato a praticare atletica, al campo di Teramo è stata invogliata a provare da Paola Marcone, che era la sua insegnante alla scuola media. Sotto la guida del tecnico Marcello Vicerè si è presto specializzata sulle distanze del mezzofondo e per due anni di fila, 2013 e 2014, solo Marta Zenoni l’ha battuta sui 1000 ai Tricolori cadetti. Ha vinto i suoi primi titoli italiani da junior negli 800 e poi ha scelto di cimentarsi soprattutto nei 1500 metri. Dal novembre 2018 si è trasferita a Roma per allenarsi con Andrea Ceccarelli nell’impianto di Castelporziano. Nel 2021 è arrivato il notevole salto di qualità con un progresso di oltre sette secondi in 4:04.23 (miglior crono di un’azzurra dal 1993), il personale abbattuto anche negli 800 metri (2:00.75) e la medaglia d’oro agli Europei under 23. Tra i suoi idoli sportivi c’è Federica Del Buono, che ha poi ritrovato come avversaria in pista. Fin da piccola, tra escursioni e sciate sul Gran Sasso, è cresciuta anche con l’amore per la montagna trasmesso dal papà Pino, guida alpina, prematuramente scomparso nel 2014 per una valanga. È molto popolare sui social, con profili da lei curati personalmente. Studia psicologia”.