Quantcast

Celano, primo Consiglio comunale del nuovo esecutivo: Tari ridotta per le attività colpite dalla pandemia

Celano, in Consiglio comunale la nomina ufficiale della nuova Giunta e le riduzioni TARI.

Celano, in Consiglio comunale la nuova Giunta e le riduzioni TARI

Si è svolto ieri mattina, venerdì 30 luglio 2021, il Consiglio comunale in seduta straordinaria a porte aperte, nel rispetto delle normative anticovid e in diretta streaming sul sito del Comune. Il sindaco – dopo aver ringraziato l’On. Piccone e Barbara Marianetti per l’ottimo lavoro svolto, risultati tangibili che rimarranno impressi nella storia di questo paese; il Commissario Prefettizio Dott. Giuseppe Canale per la professionalità e serietà mostrata nei confronti della cittadinanza; il nuovo Segretario comunale Dott. Basilio Pertosa; la Presidente del Consiglio Silvia Morelli per il grande lavoro svolto come responsabile dell’assise civica in questi mesi; tutti i consiglieri di maggioranza per aver aspettato con pazienza il rientro del sindaco in maniera esemplare – ha nominato ufficialmente il nuovo esecutivo, al primo punto all’ordine del giorno, formato dai seguenti membri:

-Piero Ianni: vicesindaco con deleghe alla Città e politiche giovanili;

-Antonella De Santis: Assessore con deleghe alla cultura, sanità e salute;

-Lisa Carusi: assessore con deleghe all’istruzione e fondi europei;

-Ermanno Bonaldi: assessore con delega all’urbanistica;

-Cinzia Contestabile: assessore con delega al bilancio.

Inoltre nel corso della seduta civica sono state ratificate anche le deleghe attribuite a tutti i consiglieri di maggioranza. Silvia Morelli: Presidente del Consiglio con delega alle politiche sociali e comunità montana; Divina Cavasinni: consigliere con deleghe alle pari opportunità, disabilità (Centro ANFFAS-Peter Pan e Centro Autistico), politiche della famiglia e servizi cimiteriali; Antonio Di Renzo: consigliere con deleghe al commercio, turismo, Pro Loco e Parco Sirente-Velino; Valeriano Fidanza: consigliere con deleghe allo sport e borghi; Settimio Dino Iacutone: consigliere con deleghe all’agricoltura, pascoli e ambiente.

Infine il Sindaco ha concluso il suo intervento augurando a tutti un buon lavoro.

Approvati anche gli altri 3 punti all’ordine del giorno, l’ultimo sulle agevolazioni TARI approvato all’unanimità:
– Ratifica deliberazione del Commissario di Giunta comunale n. 71 del 02/07/2021, relativa all’assestamento generale di bilancio e salvaguardia degli equilibri per l’esercizio 2021 ai sensi degli artt. 175, comma 8 e 193 del D.Lgs n. 267/2000;

– Debiti fuori bilancio – Riconoscimento di legittimità ai sensi dell’art. 194 del D.Lgs n. 267/2000;

– Assegnazione delle agevolazioni TARI ai sensi dell’art. 6 e art. 53 del Decreto Legge n. 73 del 25/05/2021.

Alla seduta non erano presenti i consiglieri di opposizione Vincenzo Torrelli ed Eliana Morgante, quest’ultima assente giustificata.

Celano, la nota dell’assessore al Bilancio

“Il periodo di Covid ha indubbiamente penalizzato molte attività economiche e moltissime famiglie”, ha spiegato l’Assessore al Bilancio Cinzia Contestabile. “Tra i primi provvedimenti che abbiamo voluto attuare proprio quello legato al pagamento della TARI, applicando ad esso delle agevolazioni. Le attività che sono rimaste chiuse avranno uno scorporo del 100% sulla quota variabile quindi parliamo di utenze non domestiche, ovviamente ne potranno usufruire tutti coloro che sono in regola con i pagamenti Tari degli ed il tutto verrà eseguito in automatico attraverso il codice Ateco principale. Per chi avesse già ottemperato al pagamento il totale verrà eliminato dalla prossima bollettazione. Agevolazioni 50%della quota variabile utenze non domestiche che hanno subito restrizioni nell’esercizio delle rispettive attività,sempre a condizione che possiedono i requisiti per il riconoscimento del contributo a fondo perduto del D.L. n.41/2021 decreto sostegni. Agevolazione del 40% invece per le famiglie disagiate, le quali dovranno presentare presso l’ufficio Protocollo, inderogabilmente entro 30 settembre 2021 una domanda al Comune, domanda che potranno reperire o sul sito o agli uffici anche in questo caso, oltre a rientrare nei requisiti previsti, i richiedenti dovranno essere in regola con i pagamenti TARI degli anni precedenti”.