Quantcast

Samuele Bersani a L’Aquila: “Qui è bellissimo, io ci vivrei”

Samuele Bersani chiude la rassegna I Cantieri dell'Immaginario con un evento sold out: tra vecchi successi, il nuovo album e l'omaggio a Lucio Dalla, l'abbraccio alla città. "Come è bello qui!".

“Sono felice di essere qui. L’Aquila è talmente bella che vorrei viverci”. Così Samuele Bersani ha abbracciato e scaldato il cuore del suo pubblico nel concerto conclusivo della rassegna I Cantieri dell’Immaginario.

samuele Bersani

Samuele Bersani, ospite della Società Aquilana dei Concerti “B. Barattelli”, ha portato a L’Aquila “Estemporaneo Tour”, evento andato quasi subito sold out tanto che, diversi gruppi di persone, hanno assistito al concerto dalla scalinata della chiesa di San Bernardino.

Il tour consiste in una nutrita serie di concerti che sta portando il noto cantante riminese ad attraversare l’Italia esibendosi in luoghi di particolare interesse storico e artistico, proprio come la scalinata di San Bernardino, la vera protagonista degli eventi di questa calda estate aquilana.

Bersani, come Emir Kusturika domenica sera, non è rimasto indifferente alla bellezza naturale ed artistica del palcoscenico, con la Basilica di San Bernardino illuminata ad arte. Più volte è salito e sceso dai gradini centrali, facendosi anche diversi selfie con il pubblico.

Un live inedito, ricco di quelle canzoni fissate nella storia della musica, come “Replay”, che valse a Bersani il premio “Mia Martini” al Festival di Sanremo, e ancora “Giudizi universali” o “Chicco e Spillo”.

Samuele Bersani

Un artista che non ha bisogno di effetti speciali perché in concerto è esattamente come lo si immagina attraverso i suoi dischi, un po’ malinconico, forse timido, sicuramente poetico e diretto, capace di emozionare con poche note. Con Bersani sul palco anche 5 straordinari musicisti: i chitarristi Tony Pujia e Silvio Masanotti, Stefano Cenci alle tastiere, Davide Beatino al basso e Marco Rovinelli alla batteria.

Oltre ai classici, oltre a presentare alcuni brani dell’ultimo album, un omaggio a Lucio Dalla, suo primo produttore, con la iconica e sempre verde “Tu non mi basti mai”.

Soddisfatto e visibilmente emozionato, il “deus ex machina”dei Cantieri dell’Immaginario, il maestro Leonardo De Amicis, che ancora una volta ha rivestito il ruolo di direttore artistico.

brani cantieri

“In apertura vi avevo chiesto di esserci e ci siete stati! Uno spettacolo è fatto soprattutto di pubblico. Ringrazio per questa splendida location il vice sindaco Raffaele Daniele, il progetto era di riconquistare posti naturalmente belli, credo proprio che ci siamo riusciti”, ha detto De Amicis.

raffaele daniele san bernardino
scalinata de amicis

È salito sul palco anche il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi. “Sono stati staccati il 30 per cento in più dei biglietti rispetto all’anno passato. 20 giorni e 35 spettacoli di ogni tipo: danza, musica classica, moderna, popolare. Sul palcoscenico naturale di San Berardino abbiamo portato espressioni artistiche di ogni tipo, e non è finita qui! Ci saranno tantissime cose ancora da scoprire in questa bellissima estate aquilana”, ha detto Biondi.

biondi de amicis

“Ringrazio il direttore artistico De Amicis e tutti gli organizzatori, il Tsa, il direttore Giorgio Pasotti, il presidente Buttafuoco, ma il pensiero in questa serata va soprattutto a tutti gli operatori dello spettacolo, fermi da troppo tempo. Speriamo davvero che questo periodo di ritrovata libertà non finisca mai“, ha aggiunto Biondi.

concerto Samuele Bersani

“È una sfida, ma noi vinceremo, visto che a L’Aquila si è fatto il primo evento con il pubblico nell’immediato post pandemia. Questa città può segnare il passo e rappresentare, ancora una volta, 12 anni dopo, il simbolo della rinascita e della ripartenza, della capacità di uscire fortificati dalle prove che la vita ci presenta ogni giorno“.

Probabilmente, vedendo la platea di questa sera, significa che la sfida la stiamo vincendo davvero“.