Quantcast

Chiusura statale Popoli Sulmona: un commissario al posto di Anas

Statale Popoli Sulmona: un commissario ad acta per sostituire l'Anas. La sentenza del Tar dà ragione ai sindaci.

Un commissario ad acta per risolvere la situazione sulla statale Tiburtina Valeria.

Il commissario ad acta potrebbe essere nominato entro settembre per sostituire l’Anas dopo la decisione di chiudere la statale Tiburtina Valeria tra Popoli a Sulmona per lavori urgenti.

Il Tar il 12 luglio scorso aveva stabilito che la statale dovesse rimanere transitabile anche nel tratto tra Corfinio e Popoli, chiuso a inizio luglio dall’ANAS, almeno fino al 10 settembre, quando ci sarà l’udienza di merito. “Inoltre, il Tar ha accolto il ricorso e dato dieci giorni ad Anas, che non si è adeguata”, spiega al Capoluogo il sindaco di Popoli, Concezio Galli.

L’ordinanza dell’ANAS, contestata dai sindaci anche per il periodo temporale scelto, ricadente in piena estate, è sospesa.

Questa chiusura sulla statale Tiburtina Valeria sta creando non poche polemiche e disagi, in un periodo, come quello estivo, caratterizzato da traffico intenso, anche di mezzi pesanti.

La viabilità alternativa per arginare i disagi è stata individuata su una provinciale che però ha anche un pezzo di strada comunale, nel comune di Vittorito, che da un giorno all’altro s’è visto catapultare un traffico intenso su strade inadatte.

A ciò si aggiunge la chiusura in entrata del casello della A25 dello svincolo Bussi Popoli, una situazione ferma da tempo a causa di una diatriba tra ANAS e Strada dei Parchi.

A presentare ricorso al TAR era stato il Comune di Popoli: “Sono lavori che certamente vanno fatti, ma contestiamo innanzitutto il mancato confronto con gli enti locali, al di là di una semplice comunicazione arrivata qualche giorno prima – sottolinea Galli -. Inoltre non è stato tenuto conto della viabilità alternativa, che non garantisce standard di sicurezza, né può reggere la mole di traffico che quotidianamente attraversa la zona”

Statale Popoli Sulmona, la strada deve restare aperta: la decisione del TAR