Quantcast

Premio Benedetto Croce, presentata la 16esima edizione

È stata presentata questa mattina da remoto la XVI edizione del Premio nazionale di cultura “Benedetto Croce”.

Cultura, presentato il Premio Nazionale Benedetto Croce.

È stata presentata questa mattina da remoto la XVI edizione del Premio nazionale di cultura “Benedetto Croce”. Ufficializzati anche i vincitori: si tratta di Silvia Avallone, “Un’amicizia” (Rizzoli), per la narrativa; Paolo D’Angelo, “La tirannia delle emozioni” (Il Mulino), per la saggistica; Antonio Polito con “La regole del cammino” (Marsilio) per la letteratura giornalistica.

La giuria del premio è presieduta dalla scrittrice Dacia Maraini, la quale è intervenuta illustrando le peculiarità della kermesse culturale che ha visto la partecipazione di 1700 studenti, espressione di 31 scuole di tutta Italia, detenuti dei penitenziari di Sulmona e Pescara, università della terza età di Sulmona, Popoli e Lanciano e delle associazioni del Comune di Pescasseroli. La cerimonia di premiazione si terrà a Pescasseroli (AQ) venerdì 23 e sabato 24 luglio 2021. Quest’anno il Premio alla Memoria sarà dedicato a Franca Valeri scomparsa ad agosto dello scorso anno. Inoltre, in occasione della cerimonia verrà sottoscritto il protocollo per la costituzione del Parco letterario “Benedetto Croce e l’Abruzzo” tra i Comuni di Pescasseroli, Montenerodomo e Raiano, il Parco della Maiella, il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e la riserva regionale “Gole di San Venanzio”.

“La figura di Croce resta sempre attuale – ha detto l’assessore regionale alla cultura Daniele D’Amario -. L’aspetto più significativo – ha aggiunto – è la presenza degli studenti che impreziosiscono il Premio che abbraccia temi contemporanei. Quest’anno il concorso avrà un filo conduttore con l’ambiente poiché ci avviciniamo al Centenario della nascita del Parco nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise. Un ringraziamento lo rivolgo agli organizzatori i quali – conclude D’Amario – continuano a promuovere l’evento con impegno e spirito di abnegazione, valorizzando uno dei premi letterari più rappresentativi della nostra regione”.