Quantcast

Elezioni L’Aquila 2022, a sinistra ne rimarrà uno solo

L'Aquila 2022, un casco rompe i meccanismi e gli indugi nel centro sinistra. La campagna elettorale è iniziata a colpi di selfie e attacchi politici: i nomi al nastro di partenza

L’AQUILA – Un casco rompe i meccanismi nel centro sinistra e rompe, soprattutto, gli indugi. È il selfie, con il casco indosso, pubblicato qualche mattina fa da Americo Di Benedetto a creare scompiglio nel centro sinistra.

L’Aquila 2022. Che la campagna elettorale sia iniziata, lo dimostrano la grande quantità di selfie, attacchi politici e nastri da tagliare, che inondano i social e le redazioni. I nomi a sinistra pronti al nastro di partenza sono finora l’onorevole Stefania Pezzopane, del Pd; il consigliere regionale, nonché comunale, del Passo Possibile Americo di Benedetto ed il giovane consigliere comunale Dem Stefano Palumbo.

È da poco iniziato l’ultimo anno dell’amministrazione del sindaco Pierluigi Biondi e nella primavera 2022 gli aquilani saranno chiamati alle urne per scegliere il nuovo sindaco di L’Aquila.

Il centro sinistra, per giocarsi la partita contro il Biondi Bis, dovrà scendere in campo con una candidatura forte, ma soprattutto univoca. I palazzi romani riusciranno a dirimere questa guerra fratricida a sinistra?

Americo Di Benedetto indossa il casco per il fuoco amico

Dopo lo sconcertante risultato di 4 anni fa, Americo di Benedetto annuncia la sua nuova candidatura a sindaco di L’Aquila per il centro sinistra, con un selfie in cui indossa un casco.

Elezioni L’Aquila, Americo Di Benedetto: “Il casco per il fuoco amico”

Esplicito il riferimento alle polemiche contro i suoi manifesti del 2018, immortalato su una vespa senza casco, ma soprattutto esplicito il riferimento al fuoco amico che lo ha portato al ribaltone tra il primo ed il secondo turno. In verità negli ultimi mesi le voci di corridoio dei palazzi della politica romana raccontavano di una trattativa interna al centro sinistra per la candidatura a presidente della Regione Abruzzo nel 2023 di Americo Di Benedetto, che avrebbe fatto il paio con una candidatura a sindaco dell’Aquila di Rinaldo Tordera. Trattativa evidentemente sfumata.

Il sindaco di L’Aquila, tra i volti Dem

Nel Partito Democratico il cerchio della candidatura a sindaco si stringe tra Stefania Pezzopane e Stefano Palumbo, nonostante gli appetiti di molti contendenti. Dall’evergreen Giovanni Lolli all’ex rettrice Paola Inverardi, dall’ex presidente del Consiglio comunale Carlo Benedetti all’ex direttore della Carispaq Rinaldo Tordera: un ‘tutti contro tutti’ che renderebbe possibile anche la candidatura più inattesa! Nel dialogo tra i vari protagonisti della discussione ed i nuovi comitati, non è passato indifferente il sostegno del consigliere regionale Pierpaolo Pietrucci, presidente del Circolo Tennis di L’Aquila, al collega Di Benedetto; endorsement che ha scaturito il famoso selfie con il casco, proprio a ‘volersi proteggere dal fuoco amico’ ha dichiarato Di Benedetto al Capoluogo.

L’onorevole Stefania Pezzopane, in accelerata verso la candidatura a sindaco di L’Aquila, sembra aver virato verso la candidatura a presidente della Regione Abruzzo, per lo spiraglio lasciato libero dalle vicende pescaresi, che hanno per il momento messo in stand by Silvio Paolucci.

Stefano Palumbo ha lanciato nell’etere un post alquanto significativo, commentato ai microfoni del Capoluogo con uno scherzoso ‘silenzio stampa’: “Cambiare… se necessario anche cambiando strada!”. E chi voglia intendere, intenda! A voler significare che la sua candidatura a sindaco ci sarebbe anche senza il Pd, qualora il partito Dem volesse appoggiare la ricandidatura di Americo Di Benedetto.

Insomma, il segretario Dem Michele Fina è chiamato ad un duro lavoro per cercare di far quadrare il cerchio tra le tante agguerrite anime del Pd e quelle alleate, all’unico scopo di battere l’uscente Biondi per il suo secondo mandato.