Quantcast

Cagnano Amiterno, un anno senza infortuni per la cementeria

Sicurezza, un anno senza infortuni per la cementeria di Cagnano Amiterno.

Sicurezza, un anno senza infortuni per la cementeria di Cagnano Amiterno.

La cementeria Italsacci di Cagnano Amiterno ha raggiunto l’importante traguardo di un anno senza infortuni.

“Un risultato frutto del lavoro congiunto di tutto l’impianto e del supporto della sede nelle varie funzioni, un traguardo che arriva in un periodo molto difficile per la pandemia in corso e che quindi ha ancora più valore – dichiara Rabih el Omeiri, Direttore della Cementeria –. Sono convinto che questo risultato sia solo una tappa di un percorso più lungo nel costruire una cultura della sicurezza. Ringrazio tutti i lavoratori, specialmente il team safety, il servizio PSL nonché, il mio predecessore, l’ingegner Giovanni Catucci”.

“La sicurezza per Italsacci – spiegano all’azienda – è un valore primario che sta alla base di tutte le attività.  La salvaguardia e la protezione delle persone sono elementi imprescindibili del modo di fare impresa aziendale. Nel 2020, si sono celebrati i 20 anni del Progetto “Zero Infortuni”, un progetto che in questi ultimi due decenni ha significato un radicale cambio culturale in Italcementi e in tutte le aziende del Gruppo, tra cui Italsacci: la sicurezza è strumento di consapevolezza dell’agire quotidiano. Le persone sono diventate attori principali di un percorso strutturato che coinvolge non solo loro stessi, ma anche i colleghi: ognuno è responsabile non solo della propria sicurezza, ma anche di quella degli altri. Si è passati da una visione in cui il lavoratore risponde alle indicazioni aziendali, a una in cui il lavoratore stesso è promotore di comportamenti sicuri e consapevoli sul lavoro e – come conseguenza positiva – anche nella propria vita quotidiana. L’implementazione di “Zero Infortuni” negli anni ha portato a una riduzione degli indici di frequenza degli incidenti del 98%, un risultato frutto di un percorso strutturato che ha visto svilupparsi numerose azioni su temi fondamentali della leadership, della motivazione, dell’organizzazione e degli standard per la sicurezza operativa coinvolgendo tutto il personale. Un approccio innovativo e globale che ha contribuito in modo fondamentale anche al miglioramento delle performance industriali.

La cementeria di Cagnano Amiterno.

La cementeria vanta una storia quasi centenaria. Lo stabilimento di Cagnano Amiterno nasce nel 1925 con una piccola produzione annua di cemento, che si basa sullo sfruttamento delle marne naturali presenti sul territorio. Nel 1939 viene rilevato dalla Società SACCI che si appresta ad apportare le modifiche all’impianto in grado di raddoppiare la produzione e garantire un prodotto di qualità. Nel 1945, a causa della guerra, lo stabilimento cessa la produzione e viene trasformato in deposito e officina meccanica per la riparazione degli automezzi militari. Durante il conflitto l’impianto viene anche gravemente danneggiato, tanto che occorrono più di due anni per poterlo rimettere in efficienza. Nel 1948 riprende la produzione e dal 1950 inizia l’ammodernamento del ciclo produttivo che porta lo stabilimento verso un sostanziale miglioramento qualitativo del prodotto e una maggiore produttività, che continua ad aumentare negli anni Sessanta. Nel 2016 la cementeria diviene di proprietà di CementirSacci, la nuova società creata dal Gruppo Cementir Holding dopo l’acquisizione di SACCI SpA.

Dal 2 gennaio 2018 la cementeria di Cagnano Amiterno entra a far parte della società leader in Italia nella produzione di cemento, Italcementi – Gruppo HeidelbergCement, che acquisisce tutte le attività italiane di Cementir nel business del cemento e del calcestruzzo. Nel luglio 2018 nasce il nuovo brand Italsacci, nome con cui oggi la cementeria è conosciuta.