Quantcast

Appalti e subappalti, in Abruzzo 80mila lavoratori tutelati con Decreto Semplificazioni

Appalti e subappalti, con il Decreto Semplificazioni più di 80mila lavoratori e lavoratrici in Abruzzo vedranno garantiti diritti e tutele. 

Appalti e subappalti, con il Decreto Semplificazioni più di 80mila lavoratori e lavoratrici in Abruzzo vedranno garantiti diritti e tutele.

Le misure a loro tutela, introdotte dal Decreto, sono quelle che riguardano in particolare appalti e i subappalti. Tra queste: la disposizione che stabilisce che vale sempre in caso di subappalto il contratto collettivo delle organizzazioni più rappresentative; l’obbligo per le imprese di rispettare il Durc di congruità, ovvero denunciare un numero congruo di lavoratori per svolgere quel lavoro o servizio; l’introduzione di una quota minima di donne e giovani assunti da rispettare per chi parteciperà alle gare e agli appalti pubblici; la previsione di maggiori controlli da parte delle stazioni appaltanti per evitare infiltrazioni mafiose o per garantire più controlli sui cantieri e nei posti di lavoro.

La nota del Pd Abruzzo.

“Sono oltre 80mila le lavoratrici e i lavoratori che in Abruzzo, su un totale di quattro milioni in tutto il Paese, beneficeranno di maggiori tutele e diritti grazie al lavoro del Partito Democratico nell’ambito del percorso parlamentare del Decreto semplificazioni: lo dichiara Michele Fina, segretario del Pd Abruzzo.

Fina spiega che “si tratta di lavoratrici e lavoratori impegnati nella costruzione di nuove opere, nella manutenzione di scuole e strade, nel settore delle pulizie o delle mense in uffici pubblici, ospedali, università. È un risultato fondamentale che mette al centro i loro diritti, nel solco di una battaglia che per il Pd è decisiva, di identità: quella per il lavoro”.