Quantcast

L’Aquila, addio a Paolo Perrotti

Lo sport aquilano piange la scomparsa dell'amato professore Paolo Perrotti.

Lutto in città per la scomparsa del professore Paolo Perrotti, docente di educazione fisica e punto di riferimento per l’atletica e il rugby.

Il professore Paolo Perrotti se ne è andato così, all’improvviso, a 67 anni.

Da atleta il suo allenatore era stato Isaia Di Cesare. È stato socio fondatore della Gran Sasso Rugby.

Le esequie si terranno domani, venerdì 18 giugno alle 15.30, nella chiesa di San Silvestro.

Paolo Perrrotti: il ricordo di Fulgo Graziosi

In assoluto silenzio e con il sorriso sempre stampato sulle labbra e negli occhi il Prof. Paolo Perrotti ha lasciato questa terra per recarsi nelle più ampie palestre del Paradiso. E’ vero che il Signore richiama gli elementi migliori per affidare loro compiti più importanti di quelli della vita terrena.

Provo a rendermi interprete dello stato d’animo che la notizia ha provocato nell’intimo di migliaia di ragazzi che sono passati attraverso le attività sportive sotto l’attenta e paterna guida del Prof. Perrotti.

Non sempre il biglietto, o il pensiero, che ci si trova a scrivere, ovvero la circostanza che si vive e condivide, è un momento di felicità e allegria. La vita sociale e quella personale sono costellate di fatti difficili e di tragedie, momenti nei quali più che mai si è chiamati ad essere presenti, vicino a chi deve sopportare perdite e mancanze dolorose.

Anche la perdita di una persona come Paolo Perrotti deve costituire un momento per il quale si è capaci di trovare la parola giusta per accedere all’animo di chi è dolorosamente colpito.

Un biglietto, una parola, sono il simbolo della partecipazione addolorata, del coinvolgimento emotivo che in circostanze come questa sono la sola consolazione di chi resta.

Moltissimi non riusciranno a scrivere e neppure ad esternare i pensieri determinati dalla scomparsa dell’Insegnate di educazione fisica dell’età scolare sopraffatti da una profonda emozione.

Moltissimi dei tuoi allievi come Professore di Educazione Fisica, come preparatore atletico della Nazionale Giovanile Rugby, di altre squadre rugbystiche aquilane e come Presidente Onorario della Gran Sasso Rugby, li vedrai schierati, silenziosi e assorti vicino alle tue spoglie per ricevere ancora consigli, sorrisi e approvazioni. Non ti diranno addio, ma con un sonoro applauso saluteranno il loro amico, il fratello maggiore e, soprattutto, il loro “Maestro di Vita”.

Alla moglie Simonetta, ai figli Daniele e Maura, ai nipotini Federico e Lorenzo giungano le più sentite condoglianze della grande famiglia de Il Capoluogo.
Fulgo Graziosi

Scomparsa prof. Paolo Perrotti, il cordoglio del sindaco Biondi e dell’assessore regionale Liris

“Con dolore ho appreso della scomparsa di Paolo Perrotti. Personalità con enormi doti umane, ancor prima che professionali, che ha lasciato un segno indelebile nel mondo della scuola e dello sport di questo territorio, contribuendo alla crescita di generazioni di studenti e atleti. Un impegno quotidiano e costante per i giovani, ai quali ha trasmesso valori e insegnamenti senza tempo, come il rispetto delle regole e del prossimo o la passione per l’attività sportiva, di cui era grande conoscitore. Una perdita importante, che rattrista quanti hanno avuto la fortuna di incrociare il suo cammino. A nome della Municipalità e a titolo personale porgo le più sentite condoglianze ai familiari di Paolo”. Lo dichiara il sindaco dell’Aquila, Pierluigi Biondi.

“Ho appreso con enorme dolore e costernazione – ha aggiunto l’assessore regionale allo sport Guido Liris – della scomparsa prematura di Paolo Perrotti. Personaggio di primissimo piano nel mondo dell’educazione e soprattutto dello sport, rugby e atletica in primis, capace di segnare un’epoca nella storia della città. Lascia in eredità il suo carattere aperto, disponibile e gioviale, ma anche e soprattutto  la grandissima competenza con cui ha vissuto le sue passioni e le sue attività professionali. Valori che non andranno dispersi e che saranno sempre monito e orizzonte. È stato un punto di riferimento fondamentale per generazioni di aquilani che oggi, commossi, lo ricordano e lo piangono. Alla famiglia giunga il mio personale messaggio di affetto e vicinanza”.