Quantcast

Ospedale L’Aquila, mascherine trasparenti per il reparto di Neuropsichiatria infantile

ABIO L'Aquila dona mascherine trasparenti al reparto di Neuropsichiatria infantile dell'ospedale San Salvatore.

ABIO L’Aquila dona mascherine trasparenti al reparto di Neuropsichiatria infantile dell’ospedale San Salvatore.

Mascherine trasparenti al reparto di Neuropsichiatria infantile dell’ospedale San Salvatore dell’Aquila, è il dono di ABIO L’Aquila che a distanza di oltre un anno dalla sospensione del servizio di volontariato attivo è tornata nel reparto di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale San Salvatore per consegnare un regalo speciale: “In un momento così difficile e delicato, quale quello che stiamo attraversando, ci sono pazienti che ne risentono più degli altri. Ci riferiamo alle persone con disabilità uditiva o con altre problematiche che utilizzano la lettura labiale per apprendere e comunicare o per le quali sono necessarie valutazioni del linguaggio. È evidente come l’obbligo di indossare la mascherina abbia reso ancor più difficile per loro, soprattutto sono bambini, ma anche per logopedisti, psichiatri, psicologi e infermieri, comunicare”.

“Così – spiegano da ABIO L’Aquila – oggi abbiamo consegnato, con tanta emozione ed entusiasmo, un pacco di 100 mascherine trasparenti studiate per consentire la visibilità nel labiale, per il personale e i pazienti del reparto di Neuropsichiatria Infantile contribuendo a ridurre il disagio e ad abbattere un’altra barriera, un mezzo per leggere oltre che il labiale anche le emozioni”.

Il Movimento ABIO comprende oltre 200 Associazioni che operano su tutto il territorio nazionale e 5000 volontari che con la loro presenza e il loro impegno accolgono e alleviano la permanenza in Ospedale di bambini, adolescenti e genitori. In questo anno così difficile il Movimento ABIO è andato avanti con numerose attività a distanza e ambiziosi progetti per continuare a supportare le famiglie e a portare un sorriso ai piccoli ricoverati.

Il 4 Ottobre 2004 nasce ABIO L’Aquila e da quel giorno ha operato ininterrottamente nel reparto di Pediatria dell’Ospedale San Salvatore, a seguire nel Pronto Soccorso Pediatrico e da qualche anno anche nella Neuropsichiatria Infantile. A causa della pandemia non è stato però più possibile essere fisicamente in Ospedale accanto ai bambini e alle loro famiglie.

Nel mese di dicembre i volontari di ABIO L’Aquila hanno potuto riprendere la distribuzione del “Kit di accoglienza” contenente informazioni utili sull’ospedale, album da colorare, figurine e tanti altri piccoli doni per alleggerire il momento del ricovero. Ci auguriamo di tornare ancora, ma questa volta per rimanere a svolgere il nostro servizio in presenza fisicamente accanto ai piccoli pazienti e alle loro famiglie. ABIO L’Aquila ringrazia il personale della Neuropsichiatria Infantile per la disponibilità e la collaborazione.