Quantcast

A14, pedaggi dimezzati e lavori sospesi nel week end

A14: pedaggi ridotti e sospensione lavori durante il fine settimana. Le novità dopo la riunione convocata dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile

Sulla A14, da domani, sarà ridotto del 50% il pedaggio sui tratti maggiormente interessati dai cantieri.

Dal 18 giugno alle 12, invece parte il piano di sospensione dei lavori nei fine settimana nel tratto abruzzese della A14.

Quindi, fino al completamento dell’attuale fase di lavori, verrà attivata, anche per i veicoli in transito, la riduzione del pedaggio del 50%, relativamente alle tratte comprese tra: Fermo e San Benedetto del Tronto, in entrambe le direzioni; Val Vibrata e Roseto, in entrambe le direzioni; Atri Pineto e Pescara Nord, in entrambe le direzioni.

Il dimezzamento della quota di pedaggio di competenza di Aspi verrà automaticamente applicato al casello, indipendentemente dalla modalità di pagamento utilizzata.

Le tratte interessate dall’agevolazione sono state valutate sulla base del posizionamento degli scambi di carreggiata che consentono la piena operatività, 24 ore su 24, dei cantieri in corso, e in base ai flussi di traffico attesi nelle prossime settimane.

La misura, condivisa con il Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, è stata adottata nell’ottica della massima attenzione agli utenti e nella piena collaborazione con gli Enti territoriali delle Marche e dell’Abruzzo, dove sono in corso prevalentemente i cantieri di manutenzione e ammodernamento delle gallerie, secondo gli standard introdotti dal Dicastero.

Questi sono i risultati dell’atteso incontro, convocato dal Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità sostenibile, che si è svolto ieri mattina. A distanza di una settimana le parti sono tornate a incontrarsi per trovare delle soluzioni ai diversi disagi, dovuti ai cantieri, per automobilisti e autotrasportatori.

All’incontro erano presenti: l’ingegner Placido Migliorino, direttore responsabile della vigilanza autostradale, l’ingegner Marco Perna, direttore del 7° Tronco di Autostrade per l’Italia per affrontare le problematiche derivanti dai cantieri presenti lungo l’A14; il presidente della Regione, Marco Marsilio; il sottosegretario alle infrastrutture, Umberto D’Annuntiis; il dirigente Emidio Primavera; l’assessore alla Mobilità della Regione Marche, Francesco Baldelli.

Nella riunione di aggiornamento sul piano dei rigorosi lavori avviati nei tunnel della A14, è stata inoltre concordata la validità della riduzione del pedaggio anche nei fine settimana, nonostante la decisione congiunta di sospendere i cantieri durante i week-end: dalle 12 del venerdì alle 10 del lunedì, liberando due corsie di transito al flusso prevalente di traffico nei giorni di maggior spostamento.

La sospensione dei cantieri prevede una rimodulazione complessiva del piano dei lavori nelle nove gallerie, discussa durante l’incontro, in base alle quale viene spostato al 9 luglio il termine per la conclusione degli interventi in corso.

Sulla tratta marchigiana la possibilità di offrire due corsie di traffico nel flusso prevalente (tipicamente il venerdì in direzione Sud e la domenica in direzione Nord) sarà garantita già a partire da oggi, mentre per la tratta abruzzese la stessa modalità verrà applicata a partire da venerdì 18 giugno.

“Ringrazio Autostrade per l’Italia e il Ministero per aver accolto le richieste che avevo presentato al fine di migliorare la viabilità in vista dell’esodo estivo e per garantire un ristoro ai tanti automobilisti e camionisti che ogni giorno percorrono il tratto abruzzese dell’A14”, ha sottolineato il presidente della Regione, Marco Marsilio.

“L’obiettivo è avere a disposizione una infrastruttura importante capace di valorizzare il territorio e sostenere il tessuto sociale ed economico. Seguiremo da vicino, con la massima attenzione, l’evoluzione del traffico nei prossimi giorni e attraverso un confronto continuo con Aspi e Ministero porteremo avanti ogni miglioria possibile”.

Le istituzioni, come riporta Il Centro, hanno infine ribadito la volontà di confrontarsi periodicamente, trasformando il tavolo in un osservatorio sull’avanzamento delle attività e sull’efficacia delle misure adottate.