Quantcast

Montereale, grande successo per la giornata ecologica

Ottimi riscontri per la giornata ecologica a Montereale.

Ottimi riscontri per la giornata ecologica a Montereale.

Non ci poteva essere occasione migliore di quella dello scorso 5 Giugno, Giornata Mondiale per l’ambiente, a Montereale per organizzare, da parte del Comune in collaborazione con l’ASM e le associazioni del territorio, la giornata ecologica. Essa è fondamentale per il rispetto, ancor prima che delle norme atte a salvare il pianeta, dell’ambiente naturale in cui viviamo che dobbiamo necessariamente tutelare e difendere in quanto parte integrante dell’esistenza di ogni essere vivente. Se non vogliamo la fine del genere umano dobbiamo fermare, ora che siamo ancora in tempo, l’inquinamento galoppante e la devastazione di tutti gli ecosistemi che ci forniscono le risorse necessarie per vivere in primis l’acqua. Bene supremo dell’intera umanità. Fin dall’inizio della rivoluzione industriale, la relazione tra gli esseri umani e la natura è stata vista come un trionfo dei primi sulla seconda che comunque deve essere difesa anche in funzione del vecchio detto popolre che recita:” la natura fa da se”. A nessuno verrà mai in mente di negare che le innovazioni tecniche, consistenti nell’ illuminazione dei paesi, la costruzione di nuclei industriali gli spostamenti anche oltre oceano a una velocità inaudita hanno determinato migliori condizioni di vita e di sviluppo di ogni essere umano. Le evoluzioni in campo agricolo hanno permesso di sfamare un numero altissimo di persone e, in alcune parti del mondo, l’aspettativa di vita è più che raddoppiata. Purtroppo a tutto ciò ha fatto seguito una   rapida distruzione dell’habitat che ospita la fauna locale per colpa della deforestazione e dell’allevamento industriale.

giornata ecologica montereale

Questo sembra sia una delle concause dell’emergere di tre malattie infettive su quattro. Esse comprendono virus zoonotici quali influenza aviaria, Sars, Mers, Ebola e, probabilmente, anche Covid-19, che il mondo continua a combattere, in una lotta senza frontiere a distanza di più di un anno dalla sua comparsa. Intanto nel nostro Abruzzo da lunedì 7 è scattata la zona bianca. Ci si avvia a piccoli passi verso la normalità con la riappropriazione di nuovi spazi che speriamo non vengano di nuovo resi inagibili da tanti incivili di turno.

giornata ecologica montereale

Ma abbandoniamo queste notizie di carattere generale e torniamo alla giornata ecologica monterealese: un vero successo che ha superato la migliore delle aspettative. Il sindaco Giorgi insieme al Direttore di Asm, Fabio Ianni, che cogliamo l’occasione per ringraziare ancora una volta per la preziosa collaborazione, hanno portato il rispettivi saluti ed i ringraziamenti a tutti i volontari presenti con le proprie associazioni nel variegato territorio comunale.  Si spera che tali manifestazioni non restino fini a se stesse ma siano messaggi di cultura ambientale, di invito a non deturpare e inquinare siti naturali così importanti e belli per la nostra vita quotidiana. Nell’esclusivo interesse dell’intera Comunità. Un sabato diverso, speciale, in compagnia, distanziati e con la mascherina, per rendere il proprio territorio più bello e più pulito e anche per ricordare che, dopo un anno di pandemia con le relazioni sociali praticamente azzerate, esiste una fortissima volontà nelle persone di stare insieme e di condividere valori semplici ma veri ed utilissimi all’intera Comunità. Il tutto, come da programma , è iniziato alle 09.00 con ritrovo delle associazioni nella propria zona di competenza dove si sono create le squadre operative, poi via al “ lavoro”, tutti muniti di sacchetti e guanti e arnesi vari per la pulizia del territorio. I più audaci erano in campo già dalle prime ore del mattino a recuperare rifiuti in alta montagna con l’ausilio di jeep e mezzi adatti. Gli stessi sono stati conferiti, con i mezzi dell’ASM, al centro di raccolta di Montereale. Un bel pranzo in compagnia e la promessa, armati della volontà genuina, di fare del bene al il proprio territorio ma soprattutto ase stessi. Mi auguro che i comuni dell’Alta Valle dell’Aterno seguano l’esempio di Montereale divenendo gli attori principali della transizione ecologica che è l’unica che può dare un futuro e che assicura il presente. Vivere in un ambiente più sano e presentarlo ai vari visitatori pulito e curato significa anche creare le premesse per lo sviluppo e per il rilancio dell’economia turistica. Sono fermamente convinto – e mi impegnerò per il futuro, coinvolgendo anche i miei figli, che la nostra giornata ecologica si conferma un’importante occasione per i cittadini di prendersi cura del proprio territorio, ripulendo con pazienza ed intelligenza ciò che l’ignoranza e l’inciviltà di alcuni contribuisce a creare. Intanto ci stiamo organizzando per la giornata dedicata alla riapertura dei sentieri che prossimamenti verranno tabellati con l’ausilio del Cai dell’Alta Valle dell’Aterno.