Quantcast

San Lorenzo Vini, a L’Aquila il nuovo punto vendita: buon vino e km0

San Lorenzo Vini arriva a L'Aquila: l'inaugurazione del punto di vendita diretta in città. Vini e prodotti tipici a km0 per vendita, degustazioni e aperitivi di qualità

San Lorenzo Vini, una nuova avventura dal sapore morbido, avvolgente, caldo e dall’odore inconfondibile del vino. L’Aquila che per tre giorni sarà vetrina mondiale del rosato, accoglie una nuova attività: il punto vendita San Lorenzo Vini, con la nuova apertura lungo il viale della Croce Rossa 46.

L’azienda San Lorenzo Vini scommette sull’Aquila, estendendo l’attività all’Abruzzo interno. Dopo Castilenti, sede originaria dell’azienda, e i punti di vendita diretta a Roma, Tortoreto, Montesilvano, Penne, Roseto degli Abruzzi, Pescara e San Nicolò a Torino, San Lorenzo Vini sbarca nel capoluogo: oggi l’inaugurazione del nuovo locale, all’insegna di degustazioni di vini e prodotti del territorio.

san lorenzo vini

San Lorenzo Vini porta a L’Aquila la sua storia.

La Cantina nasce nel 1890 sulle colline teramane con l’intento di soddisfare i palati degli amanti del buon vino e di coloro che credono nella filosofia del km0. Ci sarà la possibilità di degustare ed acquistare specialità tipiche della regione.

Gianluca Galasso, amministratore dell’azienda – che vanta 150 ettari di proprietà e una storia iniziata nel lontano 1890 – ci spiega: “Abbiamo già una rete di nostri punti vendita e, questa volta, abbiamo deciso di aprire a L’Aquila per la grande cultura enogastronomica esistente nell’aquilano.

san lorenzo vini

“Il nostro punto vendita propone i propri prodotti direttamente alla clientela. Vogliamo creare uno spazio apposito in cui organizzare aperitivi e degustazioni di prodotti tipici locali. Oltre al vino, infatti, venderemo prodotti a nostro marchio oppure selezionati personalmente nel nostro territorio”.

Qualche esempio? “Miele di diverse tipologie, melata, gelatine di vino, marmellata realizzata con la nostra Uva Montepulciano, oltre a una selezione di prodotti Food, come il Cecio Sultano, il Fagiolo del Tavo, le lenticchie di Santo Stefano di Sessanio, tutti presidi Slow Food“.

Vino, ottimo cibo e proposte accattivanti, per appassionati e non solo. L’attività ha aperto le sue porte a quanti vorranno lasciarsi conquistare dalle sfumature avvolgenti e inconfondibili del vino di qualità.

 

 

 

 

 

Pubbliredazionale